The Incredible Gift of Being a Different Person image

Una vita diversa, Grazie alla Definizione di Sobrietà di SA

Sono arrivato in SA nel 2008. Fino a quel momento, la mia vita era stata un susseguirsi di masturbazione compulsiva, pornografia, voyeurismo, esibizionismo e innumerevoli contatti furtivi, o avventure di una notte, con altri uomini. L’unica esperienza di connessione è stata una relazione abusiva di oltre 20 anni con un uomo alcolizzato.

Quando ho letto per la prima volta la Definizione di Sobrietà (DS) di SA, sono rimasto deluso, perché mi sentivo diverso. Mi definivo ancora gay, anche se non c’era niente di allegro nella mia condizione. Anche se non riuscivo ad immedesimarmi in ciò che suggeriva la DS, due paroline hanno attirato la mia attenzione.

La prima parola era “libertà”. La promessa della DS è “libertà da qualsiasi tipo di attività sessuale”. Era un’idea provocatoria, perché la ricerca del sesso compulsivo era sempre stata la mia spinta principale e mi aveva dato l’illusione della libertà. Non potevo immaginare la vita senza di essa e non ero certo consapevole della condizione di schiavitù in cui mi ero messo.

La seconda parola era questo concetto di “lussuria”. Quello era il pezzo mancante del puzzle. Avevo tentato invano di fermare il mio agire sessuale e le sue conseguenze, ma non mi era mai venuto in mente che il “bere” lussuria precedesse e sfociasse nelle abbuffate di attività sessuali. Lo “scannerizzare” persone reali o virtuali ha portato solo a ulteriori scansioni, ma non ha mai soddisfatto il mio bisogno di connettermi con loro.

Chiaramente non ero entusiasta della soluzione di SA, ma ho deciso di provarci perché il problema – morire per l’agire – sembrava peggiore. Ho preso uno sponsor inglese, ho lavorato sui Passi e ho iniziato a sponsorizzare altri. Le cose lentamente hanno iniziato a cambiare, ma alcuni ostacoli hanno attraversato il mio cammino. Uno di questi era il concetto di Potere Superiore e un altro era la mia omosessualità. Con l’aiuto di un membro americano di SA, c’è stata una svolta in entrambi nello stesso momento e ho avuto un’esperienza spirituale. Ho chiesto a Dio di essere sollevato dalla mia ossessione di trovare una relazione, e la mattina dopo ne sono stato liberato. Sfortunatamente, ho avuto bisogno di qualche anno in più per accettare di lasciare andare la lussuria. Questo atteggiamento mi ha fatto sentire solo, inutile e impaurito.

Nel 2014 mi è stato chiesto di scrivere la mia storia per ESSAY Magazine. Guardando indietro, posso vedere quanto quel tentativo fosse centrato su me stesso e rivolto al problema. Negavo e mi preparavo per una ricaduta, iniziata nel dicembre 2013 e culminata nell’aprile 2014. Ero depresso e con tendenze suicide. Non potevo più vivere con o senza la lussuria. La partita era chiusa. Tuttavia, non avevo idea di come tornare disperatamente al recupero.

Un amico mi suggerì di andare da un terapeuta e chiedere un antidepressivo, cose che feci. Arrivato a riposarmi mentalmente, mi capitò di rileggere l’inizio del capitolo 5 del Grande Libro (BB). Questa volta la parola “onestà” mi colpì con la forza di un fulmine. Era proprio quella che mi mancava! Mai nella mia vita ero stato rigorosamente onesto. Avevo mentito alla mia famiglia, agli amici e ai colleghi, ma anche al mio sponsor, ai miei compagni di cammino, a me stesso e a Dio. Fino ad allora, per me era più naturale mentire che respirare. Scelsi di diventare del tutto onesto e i risultati furono immediati; serenità, stabilità emotiva e connessione con i miei compagni in SA.

In sobrietà, decisi di avere un nuovo sguardo sulla DS. Mi fornisce un rifugio sicuro, in cui posso essere me stesso così come sono e non come il mondo esterno sembra identificarmi. Accettare la DS e vivere secondo essa, ha rivoluzionato completamente la mia vita nei seguenti modi:

1. Guardandolo dall’esterno, il cambiamento più spettacolare è ovviamente quello che mi piace chiamare il mio “coming in”. Alla fine della mia adolescenza, ho fatto “coming out” e ho abbracciato lo stile di vita gay. Ci ho provato fino in fondo, ma non è mai sembrato corrispondesse a chi sia veramente. Spesso ero disgustato dalle mie attività sessuali, ma la lussuria mi faceva comunque tornare indietro. Nel momento in cui mi sono ritirato completamente dal mondo gay, un’altra porta si è aperta come se si fosse sbloccata. Divenni aperto alle donne e, durante un pellegrinaggio della mia tradizione di fede, ho incontrato colei che sarebbe diventata mia moglie. Grazie a lei, ora sono nonno di 3 meravigliose bambine. Sono ancora sessualmente innescato dagli uomini, ma ora concepisco questa attrazione per lo stesso sesso come una manifestazione della mia malattia da alcolizzato del sesso.

2. Per quel che mi riguarda, il cambiamento più sorprendente è la mia crescita spirituale. Sono sempre stato un agnostico. Accettavo l’idea che un “progettista intelligente” avesse creato l’universo, ma non avesse nessun altro interesse nella sua creazione. Oggi credo in un Dio amorevole che si prende cura di me e mi concede la grazia della guarigione, un giorno alla volta. Sono tornato alla religione della mia infanzia, che ha la stessa opinione sulla sessualità della nostra DS.

3. Incolpavo i miei genitori per tutto quello che era andato storto nella mia vita. Mio padre era assente e alcolista e mia madre soffriva di rabbia, depressione e nervosismo. Guardando onestamente la mia parte, e facendo ammenda verso loro, spianai la strada al perdono reciproco. Quando ripresi i contatti, la loro situazione economica era catastrofica e ho potuto aiutarli a superare quel momento particolarmente difficile.

4. Sono sempre stato piuttosto rigido, fisicamente e socialmente. Al giorno d’oggi sono in grado di godermi la vita e divertirmi con cose come l’escursionismo, andare in bicicletta, in campeggio o ballare.

5. Per oltre 40 anni ho sofferto di digestione acida e forti disturbi intestinali, che mi hanno portato a un disturbo dove non mangiavo a sufficienza. In SA, ho trovato la forza per affrontare il modo in cui mi stavo automedicando. Con l’aiuto di un dietologo ho messo su 15 kg (33 lbs) e ho cambiato le mie abitudini alimentari.

6. L’egocentrismo e la codipendenza sono alcuni dei miei principali difetti di carattere. Fare servizio nella mia tradizione di fede e in SA si è rivelato un perfetto antidoto e mi ha aiutato a crescere socialmente e spiritualmente.

Nessuno di questi profondi cambiamenti sarebbe stato possibile senza la chiarezza e la semplicità della nostra DS. Finché mi astengo dalla lussuria e rimango fedele alle mie promesse nuziali, non devo tornare alla vergogna e alla sofferenza del passato, per un giorno alla volta. Sono libero dalle etichette a cui la società in cui vivo vorrebbe mi conformassi. Sono decisamente diverso dalla persona che ero una volta e che regalo incredibile è.

Jean V., Belgium

Total Views: 183|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!