I did not quit, I surrendered image

Non ho mollato, mi sono arresa

Ho iniziato il mio viaggio in questo programma quando un’amica di Al-Anon mi ha detto che ero una sessodipendente. Per dimostrarle che si sbagliava, ho accettato di partecipare a sei incontri di SA. Durante questi sei incontri sono arrivata lentamente ad ammettere di essere una sessodipendente. All’inizio non guardavo negli occhi gli altri membri e non condividevo. Alla mia prima riunione di gruppo c’erano altre sei donne di SA. Abbiamo partecipato a due incontri settimanali come gruppo, questo mi ha aiutata a entrare in contatto con il programma e poi ho iniziato a condividere. Quando mi sono presentata, ho dovuto arrendere la mia paura e la mia vergogna. Sentivo di essere peggiore dei membri maschi, a causa dei “due pesi e due misure” nei confronti delle donne negli Stati Uniti. Gli uomini possono “darsi alla pazza gioia”, mentre le donne sono vergini o prostitute. Queste leggende erano radicate nella mia mente. Il tempo trascorso nel programma mi ha aiutata a superare questi concetti.

Sono anche una sopravvissuta ad abusi sessuali. Quando mi sono resa conto di essere stata vittima di abusi sessuali, ho iniziato ad agire. Il fenomeno è esploso all’università, dove l’uso di alcol ha abbassato le mie inibizioni. All’ultimo anno di università ho raccontato a un terapeuta i miei abusi sessuali. Il principale responsabile era il mio padre adottivo. Non avevo mai parlato a mia madre di tutto questo. È morta quando avevo 21 anni.

Arrivata a 30 anni, ero dipendente da romanzi rosa con molte scene di sesso. Mi masturbavo con le fantasie di quei libri; interagivo solo con le persone al lavoro. Ho lottato con l’ansia e la depressione. Alla fine, mi sono fatta ricoverare in un ospedale psichiatrico perché avevo tendenze suicide. Dopo il ricovero sono stata condotta ad SA e sono iniziati i miracoli.

Nel 1992 ho partecipato a 90 incontri in 90 giorni. Alcuni erano riunioni aperte degli AA, perché nell’area di Cleveland non c’erano abbastanza riunioni di SA a cui andare di persona. Il mio sponsor mi ha aiutato a lavorare sui Passi. Ho fatto i miei primi quarto e quinto passo nel 1994. Ho discusso molto con lui sul fatto che il sesso fosse facoltativo. L’accettazione finale di questo concetto è stato il mio primo miracolo nella guarigione.

Poi ho affrontato la resa. Mi piace quello che Roy dice alle pagine 80-81 del Libro Bianco, cioè che “la resa è la parola d’ordine del programma”. Uso la resa in tutti gli ambiti della mia vita. Ogni mattina cedo in ginocchio la mia lussuria al mio Potere Superiore. La sera ringrazio il mio Potere Superiore per avermi tenuta libera dalla lussuria ogni giorno. Mi arrendo anche quando vado a letto, perché la lussuria ama insinuarsi nei miei pensieri mentre mi preparo. Arrendo i miei risentimenti quando accadono e prego per la persona con cui me la sono presa. Mi arrendo quando passo col rosso mentre guido.

Sono andata alla mia prima convention SA nel 1995 a Baltimora. Il primo giorno avevo paura di lasciare la mia stanza d’albergo, ma mi sono arresa al mio Potere Superiore e ho continuato a godermi la convention. Ho alcuni ricordi meravigliosi delle convention di questi anni, tra cui la co-presidenza della convention del 1999 a Cleveland. Come co-presidente ho dovuto davvero lavorare sull’umiltà di fronte al mio Potere Superiore e rinunciare al mio desiderio di controllare gli altri.

Accettazione e servizio. Sono stata molto lenta ad accettare il concetto di servizio nel mio programma. Ora credo nel detto “Il servizio mantiene sobri”. Oggi accetto il fatto che non sempre riuscirò ad avere la meglio quando faccio servizio; accetto che ciò che è meglio per il gruppo prevarrà perché è il Potere Superiore che comanda. Attualmente sono segretaria del mio gruppo di origine e presidente dell’intergruppo dell’Ohio nordorientale. Sono stata delegata del Mid-Atlantic dal 1999 al 2001. La parte migliore del servizio è imparare ad accettare le persone così come sono. Ho incontrato persone provenienti da tutto il mondo. È incredibile che SA esista in così tanti paesi. Che miracolo.

Sponsorizzazione. Ho dovuto accettare le direttive di uno sponsor molto prima di essere a mia volta uno sponsor. Mi ci è voluto un po’ di tempo per accettare una guida. I miei difetti caratteriali di testardaggine e ribellione mi hanno ostacolato, così come la mia diffidenza verso le figure autoritarie. Col tempo, il mio Potere Superiore mi ha dato l’umiltà di accettare una guida. Ho imparato da tutti e tre i miei sponsor. Ho imparato la resa, l’accettazione e la gratitudine. Ho imparato che non sono Dio, una verità di cui sono immensamente grata. Ho imparato molto anche facendo lo sponsor. La predica non funziona. Devo essere vulnerabile e dare l’esempio, il che a volte è rischioso. Per esempio, quando la mia sponsee ha un risentimento, le dico di pregare per la persona. Faccio lo stesso quando ho un risentimento? La maggior parte delle volte sì, ma a volte voglio trattenere la rabbia. A quel punto è necessario pregare di più. Il mio Potere Superiore è sempre disponibile e questo mi dà pace.

Essere donna e single in SA è stata una sfida che ha richiesto molta preghiera e fiducia nel mio Potere Superiore. Quando sono arrivata a SA c’erano altre cinque donne nella mia zona. Gradualmente si sono ritirate e ho dovuto fidarmi degli uomini di SA come se fossero fratelli e amici. Siamo tutti sessodipendenti in via di guarigione e dobbiamo essere trattati allo stesso modo. Dopo anni di sole due donne SA, ora siamo arrivate a sei. La lussuria è astuta, sconcertante e potente, indipendentemente dal sesso che colpisce. La fiducia nei miei fratelli in SA è arrivata lentamente, ma con l’aiuto del mio Potere Superiore. Fidarmi degli uomini è stato molto difficile per me, in quanto sopravvissuta a un abuso sessuale in cui gli autori erano entrambi uomini. Nessuno dei due mi ha fatto ammenda mentre erano sulla terra, ma con l’aiuto del mio Potere Superiore li ho perdonati. Questo processo mi ha portato a una grande guarigione.

Un saggio membro di SA mi disse di allacciare le cinture di sicurezza perché la guarigione sarebbe stata un giro sulle montagne russe. Sono d’accordo con questa affermazione. Arrendersi, accettare e ringraziare sono le tre parole che mi hanno aiutata a rimanere sobria. Quando sono entrata nel programma, mi sono fatta beffe del concetto di resa, ma pian piano ho iniziato a rinunciare a piccole cose, come la frustrazione al semaforo rosso quando vado di fretta. Su indicazione del mio sponsor ho iniziato a inginocchiarmi al mattino e a consegnare la mia brama al mio Potere Superiore. La sera ho iniziato a inginocchiarmi e a ringraziarlo per avermi mantenuta sobria quel giorno. Non sono guarita dalla lussuria, ma ho una tregua quotidiana. Sono in recupero, non guarita. Per questo dico che sono “sobria, non in salute”. Nessuno è immune da una caduta.

Accetto di essere una sessodipendente. Da quando ho accettato la mia verità, nel programma ho incontrato molte persone meravigliose. Avevo letto “Medico, alcolista e dipendente” nel Grande Libro degli AA. Parole potenti. Le leggevo ogni giorno prima del lavoro quando avevo un capo difficile.

Ho anche imparato l’importanza della gratitudine. Sono una sessodipendente in via di guarigione: questo programma mi ha salvato la vita. Ho un diario della gratitudine che mi aiuta a connettermi con gli aspetti positivi della giornata. Quando faccio fatica a scrivere un elenco di gratitudini, so di essere in un posto buio. Prego e continuo a scrivere finché le parole positive non escono dalla pagina. Sono grata quando posso condividere o guidare una riunione, perché spero di poter aiutare qualcun altro che potrebbe essere ferito o in difficoltà. Il nuovo arrivato è la persona più importante al suo primo incontro. Il resto del gruppo deve fornire incoraggiamento e speranza. Il nuovo arrivato di solito ha qualche paura o ansia. A Cleveland usiamo un formato per i nuovi arrivati che ha lo scopo di aiutarli a orientarsi: leggiamo le 20 domande e la definizione di sobrietà nel Libro bianco. Credo che il nuovo arrivato abbia bisogno di sentirsi in un luogo sicuro.

Questo programma ha cambiato una donna depressa e suicida in una preziosa figlia di Dio. Un altro miracolo.

Peg V., USA

Total Views: 17|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!