The Miracle of Changing Into a Better Me image

Il miracolo di trasformarsi in una persona migliore

Il 21 marzo 2011, appena 48 ore prima di entrare in questa fratellanza, ero sobrio da due settimane. In quel particolare giorno mi sentivo estremamente fiducioso che non avrei mai più ceduto alla mia dipendenza. L’unico problema era che avevo avuto quella fiducia suprema altre mille volte durante mezzo secolo di vita.

Poi è successo qualcosa che non dimenticherò mai. Ho sentito una voce, chiara come il giorno, dirmi: “Sai che fallirai di nuovo”. Senza dubbio quel messaggio mi era stato inviato innumerevoli volte, ma ero stato troppo stupido o troppo arrogante per ascoltare. Questa volta sono andato in rete, ho trovato SA, sono andato a una riunione la sera seguente e da allora sono sempre rimasto nel recupero.

Ci sono molte ragioni per cui sono rimasto sobrio, ma quello che voglio condividere è il vantaggio che ho avuto quando ho partecipato a quel primo incontro. Per la maggior parte della mia vita sono stato: risentito, invidioso, giudicante, arrogante, bisognoso, ansioso, impaurito, insoddisfatto. E avevo anche molti altri difetti. Ero stato un bambino infelice, un adolescente infelice, un giovane infelice, un uomo di mezza età infelice e… beh, basta. Non mi piacevo e desideravo cambiare. Sapevo di avere molti difetti, ma nonostante i counsellor, gli psicologi, vari corsi, sia spirituali che non, e innumerevoli libri di auto-aiuto, ho fatto solo miglioramenti temporanei.

Allora, come facevo a far fronte alla vita? Era semplice. O facevo ricorso alla mia dipendenza (che era iniziata prima che avessi 10 anni) o incolpavo gli altri, soprattutto (e più tristemente) mia moglie. In verità ho fatto ricorso a entrambi: la dipendenza e l’incolpare gli altri.

OK, fast forward al 2008. Mia moglie ne aveva avuto abbastanza e, per la terza volta, mi ha lasciato. Questa volta, disse, non sarebbe tornata. Non siamo divorziati e continuo a pregare affinché ci riconcilieremo.

Il coraggio di mia moglie nel dirmi di andarmene è stata una motivazione straordinaria. Mi sono impegnato totalmente a cambiare il modo in cui pensavo e il modo in cui mi comportavo. Ho scritto ciascuno dei miei difetti di carattere e ho deciso di cambiare il modo in cui pensavo e il modo in cui rispondevo alle mie emozioni.

Sono stato fortunato perché volevo davvero cambiare, e direi a qualsiasi dipendente che questa è la chiave. Avevo bisogno di VOLONTÀ di cambiare il mio comportamento e il mio modo di pensare tanto quanto volevo smettere di agire.

La mia esperienza è che non rimarrò sobrio a meno che non mi liberi, per quanto umanamente possibile, del mio ego – è molto, molto importante lasciar andare il mio ego – e dei difetti da cui sto scappando da sempre.

Quindi come ho fatto? Ho iniziato con una conversazione con alcune delle mie emozioni. Sembra assurdo, lo so, perché stavo in effetti parlando da solo, ma è stato sorprendente quanto velocemente la seconda voce abbia assunto una vita propria (il Bill interiore? Il Bill dell’onestà? Il Bill del risveglio a me stesso?).

Stavo cercando di capire cosa c’era di positivo in ciascuno dei miei difetti di carattere: se no, perché mi affliggevano rendendo la mia vita, ma soprattutto quella di mia moglie, così infelice?

Ecco alcuni esempi delle risposte che ho ricevuto:

INVIDIA. Piuttosto che permettergli di avvelenarmi, devo permettergli di motivarmi. Quindi, se invidio un’altra persona più istruita di me, abbasso la testa, studio e cerco di migliorami. Se li invidio perché hanno una casa/macchina/qualsiasi cosa migliore, lavoro di più, non spendo stupidamente, esercito la pazienza. Soprattutto, mi concentro su ciò che posso fare per migliorare ME STESSO, non qualcun altro.

RISENTIMENTO: Come fa il risentimento ad essere una forza positiva nella mia vita, mi sono chiesto. La risposta mi ha stupito. Supponiamo che stessi camminando per strada e dall’altra parte vedessi qualcuno essere vittima di bullismo. Posso ignorarlo (ed essere disgustato di me stesso); Posso essere disgustato dal bullo e sperare che intervenga qualcun altro. Oppure, grazie a Dio, posso permettere al risentimento che provo nei confronti del bullo di motivarmi verso il coraggio e ad intervenire. Ciò che è fondamentale se provo risentimento è come rispondo.

ESPERIENZA ROMANTICA: La maggior parte della mia vita sono stato dipendente dall’esperienza romantica. In che modo mi ha beneficiato, ho chiesto. Perché mi ha sobillato il cervello? Ma aveva una risposta. “Mi hai strappato la vita, Bill. Sono necessaria per accendere il fuoco dell’amore, e per riunire due persone, e aiutare l’una a corteggiare l’altra, e nutrire il primo periodo di un matrimonio. Ma un adulto maturo capisce che una relazione cambia dalla pura esperienza romantica all’amore di vivere in unione. Non hai mai capito o cercato di capire che questa transizione è essenziale per un matrimonio felice e sano; una comprensione che ti aiuterebbe a resistere alle inevitabili sfide di qualsiasi matrimonio, come la realtà di due individui con sogni diversi, opinioni diverse e prospettive diverse. MA – e questo è qualcosa che non potresti o non vorresti capire – una relazione di vera unione non significa la FINE della vita romantica. L’esperienza romantica dovrebbe farne parte, non esserne l’unica parte.”

Questo esercizio è stato come sollevare un velo. Ovviamente non sono cambiato dall’oggi al domani, ma il cambiamento è iniziato e più cambiavo meno mi sentivo attratto dalle mie vecchie fughe lussuriose. Oggi ho una libertà che non avrei mai potuto immaginare. Per la prima volta nella mia vita, mi piace veramente chi sono, non voglio essere qualcun altro, come ho fatto per la maggior parte della mia vita. Oggi non ho bisogno dell’approvazione di nessuno. Mi sembra che la sobrietà emotiva sia uguale alla serenità e, a parte l’assenza di mia moglie, la mia vita oggi è per lo più serena.

Sono entrato nel programma dopo aver intrapreso tre anni prima un serio viaggio di guarigione, ma quel recupero non sarebbe mai continuato se non fossi entrato in SA e non avessi abbracciato con passione i Dodici Passi.

Bill F., Sidney, Australia

Total Views: 206|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!