Prison Work in Slovakia

Servizio nelle prigioni in Slovacchia

Il Programma di Sexaholic Anonymous non è ancora disponibile nella maggior parte delle carceri europee e del resto del mondo. La mia dipendenza mi ha reso prigioniero della lussuria. È stato orribile e pensavo di aver buttato la mia vita dalla finestra inseguendo la lussuria. Non riesco a immaginare quanto debba essere duro essere prigioniero della lussuria ed essere un carcerato allo stesso tempo.

Un membro di lunga sobrietà proveniente dall’estero è venuto due anni fa in Slovacchia con un grande messaggio. Stava dicendo che il servizio nelle carceri è davvero importante, le persone qui detenute sono perse e non hanno a disposizione il programma SA. Immagina di essere dipendente dal sesso, di non conoscere il programma di SA e di essere detenuto per molti anni. Che situazione senza speranza! Da allora abbiamo iniziato a dare maggiore enfasi al servizio di SA nelle carceri in Slovacchia. Abbiamo organizzato un incontro con il vescovo che era a capo dei cappellani carcerari nel nostro paese e lui era aperto al programma di SA. Per noi era molto importante pregare per questo servizio e abbiamo anche visitato un luogo molto spirituale per pregare insieme per i detenuti senza speranza. Penso che senza il coraggio che ci ha dato il nostro Potere Superiore e il forte sostegno degli altri membri e dei nostri sponsor, non saremmo in grado di aiutare nessuno.

Il passo successivo è stato che abbiamo iniziato a lavorare sulla traduzione degli opuscoli carcerari e ci è voluto quasi un anno prima che fosse completata la progettazione grafica e finalmente stampata. Poi un membro è venuto con l’idea di organizzare un incontro aperto in una prigione. Un altro membro ha detto di conoscere un membro di AA che viene regolarmente in prigione per parlare ai detenuti del programma di AA. Ha accettato di chiedere a questo tizio di AA cosa fosse necessario per creare un supporto in prigione.

È stato sorprendente come le cose funzionassero insieme. Il membro di AA ci ha suggerito di contattare direttamente uno psicologo in una prigione che frequentava regolarmente. Abbiamo contattato lo psicologo che ci ha invitato a tenere un incontro aperto ai detenuti. Innanzitutto non ho creduto a quello che ha detto perché ho sentito storie su quanto sia difficile organizzare un incontro aperto in prigione.

Arrivò il giorno della nostra visita e provai davvero paura. Cosa posso dire io, un sessodipendente che non è mai stato in prigione e che non ha nemmeno raggiunto i 30 anni, a questi amici in prigione che probabilmente hanno oltrepassato molti più confini di me? Tuttavia, ho superato la mia paura e sono andato lì con altri due compagni di SA.

Davanti a noi sedevano 20 detenuti, tutti uomini. Abbiamo iniziato a condividere le nostre storie e successivamente hanno iniziato a fare domande. Ero sorpreso. Pensavo che tutti avrebbero riso di noi. Alcuni lo hanno fatto, ma la maggior parte no. La cosa più sorprendente per me è stata che dopo l’incontro alcuni detenuti sono venuti a stringerci la mano e a ringraziarci per il nostro coraggio e il messaggio di speranza. Ho capito che per Dio nulla è impossibile e Lui può servirsi di una persona malata come me per diffondere ovunque il messaggio di speranza.

C’è una soluzione per la sessodipendenza! Alla fine abbiamo parlato con lo psicologo del carcere della futura cooperazione e di argomenti aperti come la sponsorizzazione tramite posta, incontri virtuali e lavoro sui passi. Vedremo cosa funzionerà.

In questo articolo volevo sottolineare che in molte carceri ci sono amici malati che non conoscono la soluzione. Aiutarli è possibile. È possibile portare loro il messaggio di speranza. Se desideri aiutare i detenuti, ti incoraggio a farlo!

Anonimo, Slovacchia

Total Views: 32|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!