God Makes Amazing Things Happen

Dio fa accadere cose incredibili

Poco prima di arrivare in SA, ho toccato il fondo. All’esterno non era così evidente che la mia vita era diventata ingestibile. Ero ancora sposato con figli, avevo la salute, una casa, un lavoro e una comunità. Ma dentro di me ero nel momento più disperato e buio.

La mia mente era ossessionata dalle fantasie sessuali. Se il mio cervello non era occupato in qualche compito impegnativo, pianificava come ottenere la prossima dose. Quali video pornografici potevo cercare? Quando potevo creare una finestra di opportunità per agire sessualmente? E non c’era un “tasto OFF”. L’intera giornata diventava un’onerosa baraonda di attività e interazioni che dovevo togliere di mezzo per poter dedicarmi alla vera ragione della mia esistenza. Qualche ora davanti allo schermo con fantasie autoindulgenti, lo sballo, la stimolazione, la masturbazione e il tentativo di resistere il più a lungo possibile prima che la stanchezza e l’esaurimento emotivo prendessero il sopravvento. E poi andare a dormire, svegliarsi e rifare tutto da capo.

Man mano che mi impegnavo sempre di più nel mio stato di fantasia drogato, sono diventato sempre più distaccato dalla realtà, dalle persone, da me stesso. La mia ossessione per il sesso ha portato ad atteggiamenti malati; mi ha reso più egocentrico, un narcisista completo. Non potevo sopportare la fatica della realtà con tutte le sue responsabilità, obblighi e richieste, e le cose che mi distraevano dai miei obiettivi: la costante autogratificazione e l’oblio dell’irrealtà.

Ero diventato l’ombra di me stesso. Isolato, vergognoso di guardare gli altri negli occhi, addolorato nel guardarmi allo specchio, non riconoscevo la “cosa” che mi stava guardando. Qualsiasi cosa preziosa e degna nella vita era inutile rispetto alla lussuria. Non avevo una direzione e sentivo di non avere niente da offrire a nessuno. Volevo solo fuggire nell’oblio sessuale. Ma, dopo una baldoria di due anni, in cui mi ero completamente abbandonato alla mia malattia senza riserve, un Potere Superiore ha fatto per me quello che non potevo fare per me stesso.

Mi sono bruciato. La droga ha smesso di funzionare. Per vent’anni la lussuria aveva sempre fornito una misura di fuga e di sedazione. Ma ora non funzionava, anche se persistevo con le stesse azioni, lo stesso sforzo per godere della lussuria, le ultime vestigia dell’illusione svanirono. Questa tregua mi ha dato una pausa abbastanza a lungo da sperimentare l’orribile morte spirituale ed emotiva che avevo medicato con la lussuria. Il dolore era insopportabile.

Con il dolore sono arrivate l’apertura e la volontà di provare a lasciar andare parte del peso che mi aveva trascinato giù. Allora mi fu chiaro cosa dovevo fare. Sono diventato disponibile a rimuovere Internet da casa mia e dai dispositivi. Quella prima notte, disconnesso dalla fonte principale della mia “vita”, sarei potuto impazzire per l’irrequietezza e rimbalzare contro i muri, ma invece è scesa su di me una pace come non avevo mai conosciuto. Mi sono sentito abbracciato dalla presenza amorevole di un Potere Superiore. Ho sentito la speranza, che forse è possibile trovare un altro modo di vivere.

Per un breve periodo, sono stato su una nuvola rosa di sollievo, ma lentamente, la lussuria e le fantasie della strada sono tornate nella mia coscienza. Un amico mi aveva parlato di programmi di dodici passi, ma non ero mai stato abbastanza aperto da prendere in considerazione l’idea di lasciare la comodità del mio inferno familiare e condividere la mia debolezza con gli altri, specialmente in quest’area. Ancora una volta, il mio Potere Superiore è intervenuto. È successo tramite una persona che mi ha contattato nello spirito del 12° Passo. Avevo partecipato a un gruppo di auto-miglioramento, dove abbiamo condiviso le sfide personali. Non ero mai stato onesto riguardo i miei problemi di lussuria fino ad allora. Quando mi ha sentito parlare delle mie fantasie lussuriose e di come mi sentissi impotente, si è identificato. Aveva lottato con comportamenti simili. Mi ha detto: “Sono un sessodipendente e penso che potresti esserlo anche tu. Io e un altro ragazzo vogliamo organizzare un incontro di Sexaholics Anonymous in città. Verrai?”

Non sono sicuro cosa mi abbia fatto dire di sì ma, per tutto quello che avevo vissuto fino a quel momento, la mia mente e il mio cuore si sono aperti abbastanza per dire di sì.

Non avrei mai potuto immaginare quale profondo effetto avrebbe avuto questa decisione sulla mia vita e su quella degli altri. Questo è stato il primo incontro SA di lingua inglese nella mia città di Ramat Beit Shemesh, Israele. Era il 2013.

Sono entrato in recupero e da allora sono stato sobrio, un giorno alla volta. Ho rinunciato alla mia vecchia vita egoista. Mi sono affidato alle cure e alla guida di un amorevole Potere Superiore. Ero disposto a prendere la direzione e a vivere secondo i principi spirituali. Man mano che guadagnavo la sobrietà e il recupero, sentivo finalmente di avere qualcosa di valore da condividere con gli altri: la mia esperienza, forza e speranza con il sessodipendente ancora sofferente. Ho sponsorizzato altri e sono cresciuto spiritualmente sotto la guida dei miei sponsor. La mia vita è cambiata. Sono rinato.

Ma voglio condividere con voi come il mio risveglio spirituale è diventato un seme, piantato dal mio Potere Superiore, per la crescita personale e di gruppo, nei seguenti 10 anni.

Siamo passati da due o tre persone, che si incontravano una volta alla settimana, a tre riunioni alla settimana con una dozzina di membri impegnati. Fin dall’inizio ho voluto contribuire allo sviluppo del mio gruppo locale prestando servizio come segretario o tesoriere. Alla fine, ho aiutato a fondare il nostro primo intergruppo locale tra i tre gruppi dell’epoca.

In seguito ho rappresentato il mio intergruppo all’interno di un più ampio intergruppo locale a Beit Shemesh. Alla fine, siamo cresciuti fino al punto in cui siamo entrati a far parte dell’intergruppo regionale e io ero il rappresentante. Il nostro intergruppo locale è cresciuto fino a rappresentare circa sette riunioni. Ho servito in modi diversi. Quando abbiamo organizzato una conferenza locale in inglese, ho presieduto quell’evento e, in seguito, ho aiutato con altri due eventi con l’altro grande intergruppo inglese a Gerusalemme.

Il mio potere superiore ha continuato a motivare il mio cuore a cercare nuove opportunità per crescere nel servizio. Un collega che è stato coinvolto nel programma Sponsor by Mail per il Correctional Facilities Committee (CFC) mi ha chiesto di essere coinvolto. Ho sponsorizzato un detenuto e sono stato coinvolto nell’aiutare ad assegnare sponsor a compagni in prigione negli Stati Uniti. Sono stato coinvolto nell’International Convention Committee (ICC). Ho aiutato ad assicurarci lo spazio per la nostra prossima convention nel 2024. Sono diventato copresidente della convention. Sono diventato un delegato supplente per la regione di Israele e recentemente sono diventato il delegato, parte della voce di SA nel suo insieme.

Ho potuto vedere, non solo me stesso, ma diversi membri del mio gruppo di origine diventare contributori significativi alla struttura di servizio SA, a livello locale ed internazionale. Dico tutto questo non per vantarmi, ma per condividere con voi ciò che il mio Potere Superiore ha fatto con la mia vita, che era così egoista, solitaria, vuota e autodistruttiva. Quando Dio è il mio direttore, e io divento il suo agente, il suo portatore del messaggio del recupero di SA, possono accadere cose incredibili, per me stesso e per coloro che mi circondano. Voglio incoraggiare gli altri a crescere nel servizio e cercare opportunità per contribuire alla salute spirituale di SA nel suo insieme. Continua a ripagare in misura maggiore di gioia e connessione reale di quanto avrei mai potuto immaginare.

Daniel K., Ramat Beit Shemesh, Israele

Total Views: 68|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!