Working the Steps Is Her Top Priority

Lavorare i passi è la massima priorità

Mi chiamo Meira e sono una sessodipendente. O forse, più correttamente, una dipendente dalla lussuria. La lussuria è stata il modo per affrontare la vita fin da quando riesco a ricordare, forse dall’età di quattro o cinque anni. All’inizio ho usato la fantasia e la masturbazione compulsiva, molto prima di sapere cosa fosse il sesso. Allora questi comportamenti non erano un problema, ma una soluzione.

Durante l’adolescenza sono diventata dipendente da relazioni malsane e poi dalla letteratura erotica. Ho iniziato ad avere scompensi emotivi e mi sono rivolta a professionisti di salute mentale. Uno psichiatra mi ha diagnosticato una depressione clinica e mi ha prescritto degli antidepressivi. La terapia e i farmaci mi hanno aiutato fino a un certo punto, ma c’era ancora un vuoto dentro di me che cercavo di riempire (in modo insoddisfacente) con relazioni e fantasie. Non sapevo di essere dipendente dalla lussuria.

Dopo qualche anno, ero una giovane donna sposata con un bambino appena nato. Non ricordo cosa l’abbia scatenato, ma c’è stata una notte in cui ho toccato il mio primo fondo emotivo. Il dolore, il vuoto e la solitudine che provavo erano insopportabili e decisi di partecipare a una riunione dei Dodici Passi. Ero piuttosto sprovveduta. Tutto ciò che avevo imparato fino a quel momento era che la dipendenza esisteva nella mia famiglia (per non parlare di me stessa) e che desideravo il conforto, il sostegno e la comprensione di altre persone che potevano aver vissuto esperienze simili. Non sapevo cosa fossero i passi, né gli sponsor, né altro. Eppure, ho pianto durante il mio primo incontro. Forse era la sensazione di un Potere Superiore nella stanza, o forse il sollievo di aver capito che non ero sola. So solo che finalmente mi sentivo a casa.

Continuavo a sentirmi inquieta, irritabile e scontenta. Cercai altro aiuto e finii in una struttura ambulatoriale per trattare la mia codipendenza. Iniziai il lavoro sui passi, ad assumermi la responsabilità dei miei difetti caratteriali e a fare ammenda nei confronti degli altri. Terminai il trattamento dopo circa un anno e mezzo e continuai a frequentare le riunioni dei Dodici Passi. Molte cose della mia vita erano migliorate; le mie relazioni e la mia capacità di funzionare nel mondo erano notevolmente progredite. Ma la lussuria continuava a essere il mio profondo, oscuro, vergognoso segreto. Conducevo una doppia vita.

Per ironia della sorte, è stato dopo essere diventata un membro di S-Anon che ho finalmente capito di essere impotente nei confronti del mio agire compulsivo. La consapevolezza mi colpì per la prima volta a un convegno, dove i membri di SA e S-Anon si divisero in stanze diverse per alcuni degli interventi. Ricordo di aver pensato: “Eccomi qui, completamente ubriaca di lussuria, seduta a una conferenza di S-Anon. Dovrei essere nell’altra stanza”. Ci volle un po’ di tempo, ma con l’incoraggiamento di altre donne decisi finalmente di affrontare la mia sessodipendenza.

Prima ho frequentato un’altra associazione “S”, dove ho adottato mezze misure per la mia guarigione. Ho lavorato più o meno sui passi, ho parlato più o meno con la mia sponsor e ho parlato con un’altra donna. Ero strafatta della “nuvola rosa” della sobrietà e dopo sei mesi, inevitabilmente, ho avuto una caduta. La mia unica amica della comunità se n’era andata per unirsi a un gruppo femminile di SA e, avendo concluso che non avevo nulla da perdere, decisi di unirmi anch’io. Quella sera era il 10 giugno 2020 e da allora non ho più avuto ricadute.

Da allora, mi sono resa conto che la lussuria era la forza trainante dei miei comportamenti sessuali, insieme a tutti gli altri legami emotivi malsani del mio passato. Ho iniziato lentamente; la mia prima sponsor è stata molto paziente. Mi ha parlato molto di fare servizio, soprattutto a casa, e questo mi ha aiutato immensamente a uscire dalla mia testa.

Alla fine iniziai a lavorare sui passi, cambiando sponsor lungo il percorso. Mi ero impegnata per essere sobria, ma non era sufficiente. Non avrei mai potuto vivere alle “normali” condizioni della vita (che è il modo in cui sono arrivato ad avere una caduta), e quindi dovevo dare la massima priorità al programma e al lavoro sui passi.

Cerco di leggere e applicare il decimo e undicesimo passo ogni giorno. Dice che “abbiamo una tregua quotidiana condizionata al mantenimento della nostra condizione spirituale” e io prendo questo molto sul serio. Se credo che la mia sessodipendenza sia una malattia, allora devo prendere le mie medicine ogni singolo giorno. Ho preso questa decisione e questo impegno quando ho fatto il terzo passo: “Abbiamo deciso di affidare la nostra volontà e la nostra vita alle cure di Dio…“. Non dice: “Diventammo disposti a rinunciare alla nostra lussuria…“.

Sì, rinunciare alla concupiscenza è importante! Devo essere disposta a rinunciare al diritto di desiderare qualcuno e di essere desiderata da qualcun altro. Devo essere disposta a riconoscere che nessun’altra persona mi appartiene. Questo, però, vale per tutti gli aspetti della mia vita. Ogni volta che faccio richieste al mondo o agli altri, sono infelice. Nel corso della mia guarigione sono diventata sempre più consapevole di questo. Ogni volta che sono disturbata e faccio l’inventario, c’è sempre un’aspettativa di fondo per qualcosa che mi dia un senso di sicurezza, qualcosa con cui posso identificarmi, come lo status o la bellezza.

La verità è che la mia identità è radicata nel fatto che sono una figlia amata da un Dio amorevole. Tutto ciò che faccio in questa vita è un ruolo assegnato dal Regista Supremo. Tutti questi ruoli diversi sono un dono e un privilegio.

Finché posso attraversare la vita un giorno alla volta, con l’intenzione di essere al servizio del mio Potere Superiore e di tutti gli esseri e alla creazione, posso essere soddisfatta. Sono grata che, solo per oggi, sono libera dall’ossessione della lussuria, grazie a Dio e alla meravigliosa comunione di SA.

Meira D., Ramat Beit Shemesh, Israel

Total Views: 24|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!