Recovery Can Also Provide a Community

Il recupero può anche fornire una comunità

Quando ho iniziato il mio percorso di recupero ero tormentato dal solito ronzio incessante nella mia testa con cui solo i tossicodipendenti e i nevrotici compulsivi possono identificarsi:

Devo migliorare IMMEDIATAMENTE prima di perdere la testa
Quando posso abbandonare tutto questo? Mi sento bene e non ne ho bisogno!
Chi è quel tizio e perché mi sta guardando in modo strano?
Si accorgono se io li guardo in modo strano?
Sono così felice!
Sono così triste …
Una volta che sarò sobrio, aiuterò tutti quelli che troverò, è la mia missione!
Perché io, Dio? Perché io?

Ora non fraintendetemi, penso che alcuni di questi punti, o addirittura tutti, siano decisamente oltraggiosamente divertenti e folli (specialmente la mia brillante capacità di nutrire due pensieri che sono completamente all’opposto, credetemi!). Tuttavia, so anche per certo che ho dovuto attraversare questi tipi di "punti vuoti" e "colpi di scena" mentali (vedi capitolo 3 del Grande Libro) per recuperare.

Detto questo, non è una coincidenza per me che i momenti in cui provavo questo tipo di follia compulsiva erano anche i momenti in cui partecipavo a riunioni in cui era difficile trovare il recupero, e la maggior parte dei membri si concentrava solo su "essere astinenti" o "sopravvivere" senza la nostra droga: la lussuria.

Pensavo che mi fosse offerto solo questo: non posso vivere con la mia compulsione e non posso vivere senza di essa, quindi mi trascino attraverso la città tre volte a settimana e mi siedo in una stanza con persone che soffrono la mia stessa sorte e insieme passiamo il tempo fino a quando o guariamo o moriamo… qualunque cosa accada per prima.

Poi un giorno un membro è venuto da me dopo un incontro e mi ha chiesto dove abitassi, il che era strano dato che nessuno l'aveva mai fatto prima e pensavo che non facessimo quel tipo di domande dato che si chiamavano Sexaholics ANONYMOUS (ovviamente io non avevo idea di cosa significasse questo in realtà). Gli ho detto il nome del mio quartiere e lui ha detto che era della stessa zona e che insieme ad un altro membro stavano progettando di fondare un nuovo gruppo che si occupasse di quella zona specifica della città. Mi ha chiesto se volessi unirmi a loro e aiutarli ad avviare un nuovo gruppo e, pensando che sarebbe stato meglio frequentare un incontro più vicino a casa, mi sono unito volentieri allo sforzo.

Non so se questa esperienza mi abbia salvato la vita, ma è senza dubbio uno di quei momenti salienti del mio viaggio.

Abbiamo fondato il gruppo e ci siamo chiamati "The Three Legacies" (le tre eredità). Ci siamo incontrati in una piccola stanzetta che di giorno era una clinica di agopuntura. Ci siamo concentrati sui passi e sulle tradizioni. Non abbiamo trattato il recupero come un dovere o il nostro destino come un dispiacere. Abbiamo riso e ci siamo divertiti. Ho preso uno degli altri due membri come mio sponsor e ho iniziato lavorare i passi seriamente. Più membri si univano e più la stanza si rimpiccioliva, quindi abbiamo affittato un posto più grande nel quartiere anche se a questo punto la maggior parte di loro proveniva da tutta la città (e alcuni anche da fuori città!).

Ho notato che mi stava accadendo qualcosa di curioso: sono arrivato alla riunione in anticipo e me ne sono andato quasi due ore dopo la fine - e non ero l'unico. Durante l'incontro sorridevo e facevo battute. Le persone avevano uno sguardo diverso nei loro occhi e per la prima volta ho visto quello che Jess L ha definito come "la luminosità di SA" tutto intorno a me. Questo posto che abbiamo affittato aveva un biliardino e tavoli da ping pong dove giocavamo prima e dopo le riunioni mentre gli altri membri sedevano e parlavano tra loro per ore. Abbiamo anche ricevuto lamentele dai vicini che eravamo troppo rumorosi!

Visto che "The Three Legacies" è stato istituito per soddisfare un'area specifica della nostra città, c'erano davvero molti membri che vivevano molto vicini gli uni agli altri, quindi intorno a noi stava accadendo qualcosa di molto più grande! Si stava formando una comunità con questo gruppo al centro: pranzare insieme, giocare a bowling, gli studenti del gruppo che studiavano insieme per gli esami finali mentre i membri sposati si organizzavano per passare del tempo con i loro figli, andare al cinema o in città, gite nel deserto accampandosi sotto le stelle o andare a concerti di musica.

Posso andare avanti per ore riguardo la "sobrietà positiva" e su come il recupero dovrebbe essere divertente, ma onestamente sono solo un privilegiato per aver avuto l'opportunità di far parte di questa comunità che mi ha salvato la vita perché se tutto ciò che questo programma aveva da offrirmi era essere un "ubriaco a secco", senza cadere ma anche senza godermi un secondo di vita senza questa droga - sarei uscito da quella porta molto tempo fa. Avevo bisogno di molto di più, avevo bisogno di essere felice, gioioso, libero, pieno di sentimenti d'amore e divertimento intorno a me. Il mio gruppo di casa, la mia comunità, la mia famiglia mi hanno fornito tutto questo e mi hanno insegnato che se non ti diverti, stai sbagliando qualcosa.

Matan C., Gerusalemme, Israele

Total Views: 14|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!