I Am the Only Person I Can Change

Sono l’unica persona che posso cambiare, ed è già abbastanza difficile

Cercherò di condividere la mia esperienza, forza e speranza in quanto tocca il ruolo che mio padre Roy K. ha svolto sia nella mia dipendenza che nel recupero. È stata una strada accidentata per entrambi, a causa della nostra dipendenza e dei nostri difetti di carattere.

Ovviamente i nostri conflitti e problemi non erano il vero problema. Semplicemente non ce ne siamo accorti in quel momento. Siamo stati catturati nella morsa del gioco della colpa, ognuno che cercava di sanare l'altro invece di guardarsi dentro per sanare noi stessi. Abbiamo cercato di ripulire il cortile l'uno dell'altro invece di ripulire il nostro. È già abbastanza difficile cambiare me stesso, ma è impossibile cambiare gli altri. Infatti ho trovato impossibile cambiare me stesso senza praticare i principi spirituali che si trovano in SA. Principi come il perdono e l'accettazione degli altri così come sono. "Vivi e lascia vivere": la via della pace.

Mi dispiace che io e mio padre non siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo prima della sua morte dovuta al cancro. Era il settembre del 2009. Fu nei suoi ultimi istanti che il velo si aprì e vedemmo oltre noi stessi l'uno nell'altro. I nostri cuori erano uniti in un completo perdono e riconciliazione. Grazie Dio. Quanto sarebbe stato triste se non fossimo riusciti a vivere tutto questo.

La mia dipendenza è iniziata molto prima che sperimentassi la lussuria o il sesso. È iniziata con dolori e traumi che in seguito avrebbero avuto bisogno di sollievo dato tramite il "farmaco" della lussuria. Questo è iniziato nella mia età prescolare. Papà era immerso nella sua sessodipendenza, assente per la maggior parte del tempo, inseguendo “la Grande Soluzione” come è chiamata nel Libro Bianco. Quando era a casa, era emotivamente non disponibile. Raramente era impegnato con la famiglia a meno che non fosse per infuriarsi con noi quando lo disturbavamo. Questi momenti erano orribili. Un esempio perfetto è stata la volta in cui stavamo viaggiando in auto tutti insieme. Ero sul sedile posteriore e picchiettavo le dita sul rivestimento. Si voltò mentre guidava, il viso contorto dalla rabbia e urlò: "Se non la smetti, porterò questa macchina fuori strada!" Mai un momento di noia con papà! Non potevo pensare o muovermi. Era come essere fulminati. Sono diventato insensibile per lo shock.

Eventi come questi mi hanno spinto a cercare modi di vivere autoprotettivi, adottando tattiche di sopravvivenza per affrontare la vita. È qui che è iniziata la mia dipendenza. Avevo bisogno di un posto felice dove nascondermi. Sono diventato un sognatore ad occhi aperti. Le fantasie erano la mia via di fuga. Il mangiare compulsivo placava la paura. Più tardi, i libri di fantascienza mi hanno portato in altri mondi. Questo era costante e abituale, i semi della dipendenza. In età prepuberale ho scoperto la masturbazione e ne sono stato subito dipendente. La dipendenza è sbocciata molto rapidamente. Che sollievo ha portato. Ha avuto un effetto narcotico che è durato a lungo dopo l'atto. È diventata la mia droga preferita. (Da notare quante volte mio padre si riferiva nel Libro Bianco alla dipendenza dal sesso come a una droga.) Era meglio del cibo e della fantasia. Ma ovviamente ho mantenuto anche quelle dipendenze. A quel tempo ero un sessodipendente di quarta elementare!

Quando sono entrato nella pubertà e ho scoperto le ragazze, le fantasie hanno assunto una svolta romantica ed erotica: carburante per razzi per la mia malattia. Ero troppo timido per parlare con le ragazze, ma di sicuro potevo fantasticare su di loro. Vivere nella mia testa mi ha intrappolato dentro me stesso, incapace di imparare a relazionarmi con le ragazze. La paura mi ha paralizzato e mi sono preso molta cura di medicare quella paura. Ero stato emotivamente colpito a credere di essere difettoso e indesiderabile. Credevo persino di essere fisicamente brutto. Decenni dopo ho scoperto che niente di tutto questo era vero. Mi sentivo inadeguato e avevo paura di mettermi in imbarazzo con le ragazze e di essere rifiutato. Ero terrorizzato dal rifiuto. La necessità di medicarmi è andata molto in profondità. Quando avevo quindici anni ho aggiunto la droga a questo mix.

Ora so che papà non ha mai voluto essere così. Non era una persona cattiva. Non era fisicamente violento. Era di buon cuore. Ci amava, ma per noi era fonte di confusione provare amore e rabbia nella stessa casa. La sua malattia lo rendeva irrazionale e reattivo. La mia malattia ha fatto lo stesso con me, ma in misura minore, grazie a come si è ripreso ed è cambiato. Non riusciva a controllare le sue esplosioni, non importa quanto lo volesse. Una volta, quando ero adolescente, andò su tutte le furie e mi rimproverò verbalmente per una marachella che non era affatto un grosso problema. In seguito si è sentito devastato. Pianse di dolore mentre cercava di confortarmi.

Ad ogni modo, le mie fantasie erotiche sono passate al furto di riviste dal negozio all'angolo, poi a film e video pornografici, quindi al matrimonio. Come molti di noi, pensavo che avere uno sfogo morale per la mia sessualità avrebbe risolto il problema. Per me non ha funzionato. Presto mia moglie scoprì tutto. Poi ci fu il dolore, la rabbia e il tradimento. Pensava di aver sposato una persona diversa. Non sapeva che il vero me amava nascondersi e mantenere segreti come il cybersesso e flirtare e cercare di connettersi, inseguendo l'intrigo, l’imbroglio e il proibito. La fiducia è finita fuori dalla finestra. Non potevo trattenermi dallo scrutare altre donne di fronte a lei. Oh. Fa male ricordare come l'ho ferita in così tanti modi. Sono così grato di non doverlo fare più con la mia attuale moglie e preziosa compagna di vita.

Ho provato a fermarmi molte volte, ma non ci sono riuscito. Ho guardato alle mie convinzioni religiose per cercare di ottenere la guarigione. Ho provato la terapia e i libri di autoaiuto. Pensavo di poter essere riparato da qualcuno o qualcosa di esterno a me stesso, non rendendomi conto che si trattava di un pensiero magico. Certo, ho imparato molte cose utili che mi aiutano ancora oggi, ma la conoscenza e le convinzioni non tengono sotto controllo la dipendenza. Non mi rendevo conto che per vincere avrei dovuto perdere. Non mi rendevo conto che ci sarebbe voluta un'azione da parte mia e la volontà di cambiare completamente il mio stile di vita per guarire.

A questo punto mio padre era diventato sessualmente sobrio e si stava riprendendo. All'epoca non esisteva un programma per la dipendenza dal sesso in città. È entrato a far parte di AA per curare la sua sessodipendenza. È stato in AA per un certo numero di anni. Fu attraverso AA che apprese i principi del recupero in 12 passi che sarebbero diventati le fondamenta di Sexaholics Anonymous. Ha fatto ammenda alla famiglia, ma era troppo inesperto per farlo senza intoppi. Ci ha alienato nel processo. Anche in questo abbiamo avuto il nostro ruolo. Ha provato a fare con me il dodicesimo passo anche se non ero pronto. Ho imparato da questa esperienza però. Non ho commesso questi errori con la mia famiglia quando sono diventato sobrio, anche se ho commesso molti altri errori. A quel tempo, non volevo quello che aveva. Ho discusso con lui sulla sua definizione di sobrietà. Dopotutto, non c'è niente di sbagliato nella masturbazione, dissi. Avevo solo bisogno di controllarla. In seguito imparai che giusto e sbagliato non erano i punti focali del problema.

Credevo che la sua definizione di sobrietà fosse basata sulle sue convinzioni cristiane. Aveva perseguito una laurea in seminario ed era stato pastore associato in una chiesa locale. Ha lasciato il ministero per poter agire senza ritegno. Ricordo la volta in cui portò a casa una prostituta e la presentò alla famiglia. Penso che stesse cercando di aiutarla, ma sembrava molto strano. Non sapevo chi fosse fino a anni dopo. L'ha incontrata mentre agiva nella lussuria? Ancora non lo so. I sessodipendenti possono fare cose folli e caotiche.

Dopo un certo numero di anni di sobrietà sessuale, ha ammesso di avere una dipendenza religiosa e non è mai rientrato in una chiesa. Ci sono passato anche io, seguendo il suo esempio, immagino. Ora so che la definizione di sobrietà di SA si rivolge non alla moralità, ma alla realtà della nostra condizione malata. La moralità non è il problema quando la dipendenza è il comportamento di controllo. Per parafrasare il Libro Bianco, ci siamo portati fuori dall'intero contesto di ciò che è giusto o sbagliato. In uno dei suoi scritti non legati al programma, ho letto che considerava le persone eterosessuali e gay fondamentalmente uguali in quella che chiamava la loro pseudo-sessualità della lussuria.

Man mano che la mia malattia progrediva e le conseguenze diventavano più dolorose, mi aprii ai suggerimenti di mio padre per aiutarmi. Ho seguito il suo consiglio e mi sono unito ad AA come ha fatto lui. In AA, mi sono astenuto dall'agire sessualmente per cinque anni prima di ricadere. Ero ancora preda del desiderio. Non ho capito che la lussuria è il primo bicchiere. Probabilmente non volevo capire. Il mio obiettivo era non agire mentre mi aggrappavo alla lussuria. Stavo negando come ogni buon sessodipendente. Ero come l'alcolizzato che era determinato a non bere l'intera bottiglia, credendo che un bicchierino non fosse un problema.

Anni dopo, dopo aver iniziato ad arrendere la lussuria su base giornaliera, con mia grande sorpresa, ho scoperto che non avevo più l'impulso di guardare porno, masturbarmi o agire sessualmente. Quando non c'è il primo bicchiere, non sono spinto a bere, per così dire.

Durante quei primi cinque anni in AA, ero astinente, non sobrio. Ero ancora pazzo, ancora reattivo ed emotivamente intossicato da conflitti e paure. Non riuscivo a provare emozione. Ero pieno di risentimento e rabbia. E, naturalmente, ho avuto una ricaduta. Ho riprovato più tardi e ho ottenuto altri cinque anni di astinenza prima di ricadere di nuovo. A quel punto, ho provato altri programmi di recupero nella sessodipendenza. Ho avuto altri cinque anni di astinenza in uno di questi. Ma ammettere che la lussuria fosse come il primo bicchiere ancora mi sfuggiva. Mi è stato permesso di definire la mia definizione di sobrietà e non ho incluso la lussuria. Ho avuto una ricaduta una terza volta.

Quella fase di recupero a metà degli anni '80 non mi ha portato a ad ammettere di essere impotente di fronte alla lussuria o a essere disposto ad arrendermi. Questo non è successo fino al 25 marzo 2014, quando finalmente sono entrato a far parte di Sexaholics Anonymous. Sono passati cinque anni dalla morte di mio padre. Non ho avuto l'impulso di agire da allora, quando ho tracciato una linea rossa alla lussuria. Vorrei che mio padre fosse vissuto abbastanza per vedermi in Sexaholic Anonymous. Lo farebbe impazzire di gioia vedermi qui oggi, mentre parlo a un congresso SA in Armenia! Fa impazzire me!

Ogni volta che iniziavo uno di quei cinque anni di astinenza, mi sentivo come se avessi toccato il fondo. Vedo ora che la mia motivazione era la paura di terribili conseguenze. Stavo ancora cercando di controllare la mia malattia, scegliendo cosa adottare del programma invece di abbracciare la completa resa ad esso. Ho deciso le azioni che avrei intrapreso o meno, in base a ciò che mi sentivo di fare o non fare - mezze misure. Come ad esempio ottenere uno sponsor ma non usarlo; come iniziare i passi ma fermarsi al quarto, ecc. Stavo cercando di farla franca facendo il meno possibile invece di rendere questo programma uno stile di vita e fare tutto il necessario per rimanere sobrio. Era un programma diretto da me stesso, piuttosto che un programma diretto dal Potere Superiore.

Oggi ho le prove che ho toccato il fondo. Lascio che il programma mi usi. Se vuole che stia in bilico sulla mia testa, per dirne una, allora mi metto in bilico sulla mia testa. Se il Libro Bianco richiede un periodo di celibato reciproco nel mio matrimonio in modo che io possa guarire dalla lussuria, allora così sia. Le azioni del programma possono essere difficili. Sono un drogato. Non faccio il difficile. O scappo da esso o lo curo. Oggi è diverso. Finché mantengo una sana condizione spirituale un giorno alla volta, smetto di combattere e sono disposto ad affrontare difficoltà e sofferenze senza ricorrere a farmaci tossici.

Oggi chiamo o scrivo prima di agire invece che dopo aver agito. Nelle riunioni di oggi, condivido la soluzione invece di evitare il problema. Lavoro continuamente sui Passi. Ho più posizioni di servizio in SA così come più programmi per affrontare la dipendenza da cibo e droghe. Chiamo il mio sponsor una volta alla settimana o più. Sono uno sponsor. L'elenco delle azioni sullo stile di vita potrebbe continuare all'infinito. Niente più mezze misure.

Il mio secondo matrimonio è incredibilmente meraviglioso ora che non è contaminato dalla lussuria. Mia moglie sa di essere al sicuro. Lei si fida di me. Grazie in parte ai nostri periodi di celibato, la lussuria è fuori dal letto matrimoniale. C'è una qualità di amore, cameratismo, intimità e unione fisica che non sapevo fosse possibile. Questo deriva dalla pratica dei principi del recupero che mio padre ha scoperto e di cui ha scritto nel Libro Bianco. Non resisto più a quelle idee. Non disprezzo più prima di comprendere o bloccarmi nell'analisi. Beh, per la maggior parte delle volte. Niente di ciò che descrivo qui è perfetto. È più corretto dire che sto facendo progressi. Non aspetto più finché non ho voglia di mettere in pratica i principi. Agisco; segue l'entusiasmo. Il più delle volte. A volte, quando un'azione del programma sembra davvero l'opposto di quello che mi sento di fare, scivolo nell'ostinazione e resisto. Ma non mi ci vuole molto per svegliarmi e tornare in azione.

Credo che la paura e l'auto-deificazione siano state alla radice della mia riluttanza e resistenza. Per guarire ho dovuto vivere in pieno le conseguenze dolorose della mia riluttanza. Questo è ciò che mi ha fatto arrendere ai principi del programma. Ho dovuto affrontare le mie disperate paure di fondo. Un giorno, quando la disperazione mi ha trascinato nella profondità della mia angoscia, ho pregato e ho dato a Dio il pieno permesso di fare tutto il necessario per mettermi in ginocchio e arrendermi. Allora ho aspettato, pensando che sarebbe successo qualcosa di terribile. Pensavo che Dio potesse spezzare il mio spirito e sbattermi a terra con conseguenze orribili in modo da farmi agire di nuovo. Come un genitore punitivo.

Invece, sono stato portato sull'orlo dell'abisso e mi è stata mostrata la mia fine. Con orrore, ho visto dove ero diretto. È stato dopo la mia terza ricaduta. Mi ero risposato di recente e avevo smesso di andare alle riunioni o di lavorare a qualsiasi tipo di programma. La lussuria divenne più forte e più frequente. La pornografia in internet si è intensificata. Ricominciavo, poi giuravo di smettere, proprio come ai vecchi tempi. Ho provato a controllarla, a fermarla, ma la demoralizzazione e la depressione sono arrivate. Eppure ho ancora resistito a riprendermi. Ho continuato a cercare di controllarla e godermela. A questo punto sapevo che l'altro programma legato alla sessualità non avrebbe funzionato per me. E poi ho pensato: “Oh no! Potrei dover andare in SA e ammettere che papà aveva ragione! Proprio lì, sapevo istintivamente che avrei dovuto rinunciare alla lussuria. Accidenti! Ho temporeggiato, non potevo fare quel passo, ma le mie condizioni peggioravano sempre di più. Alla fine ho capito che stavo per ricadere di nuovo nella dipendenza sessuale in piena regola. Questo avrebbe devastato mia moglie che mi ha sposato pensando che avessi chiuso con la dipendenza dal sesso. Stavo per perdere un altro matrimonio. Stavo per essere risucchiato nell'abisso. È stato un momento di assoluta lucidità. Era come essere colpiti da un secchio di acqua ghiacciata. Sono rimasto scioccato dalla chiarezza. In questo stato di risveglio, ho sentito il puro orrore di questa malattia. Sapevo che avrei dovuto andare in SA, ma dovevo ancora prendere la decisione. Il giorno dopo, mia moglie mi si avvicinò. Era tesa ma non controllata. Mi ha chiesto se avevo pensato di tornare alle riunioni. Mi sentii sollevato. Io ero pronto.

Avevo dato a Dio il permesso di fare qualunque cosa fosse necessaria ed è così che l'ha fatto. Ero stato disposto a lasciare che Dio mi punisse a morte. Invece, mi ha aperto gli occhi sull'abisso verso cui mi stavo dirigendo. Alcuni di noi sperimentano conseguenze orribili, ma non credo che sia la stessa cosa della punizione di un genitore arrabbiato. È il modo in cui Dio ci motiva, scaturito dal suo intenso amore e dal desiderio di salvarci. Vale ogni goccia di sangue che dobbiamo pagare. Le libertà e le gioie del recupero semplicemente non sono disponibili in nessun altro modo.

Quindi, che aspetto ha per me arrendermi al programma? Non è solo fare il Terzo Passo dove prendo la decisione di affidare la mia volontà e la mia vita a Dio. Il terzo passo non è la resa. È solo una decisione per iniziare uno stile di vita di resa. C'è sempre la prova di una resa e quella prova è l'azione. Se non c'è azione, non mi sono arreso - azione come eseguire i Passi, come servizio e usare gli strumenti del programma.

Poi c'è la resa ai colpi di lussuria. Quando finalmente sono diventato disponibile, nessuno aveva bisogno di dirmi di fare chiamate o messaggi di resa ad altri membri. Nei primi due anni c'erano giorni in cui facevo dalle tre alle cinque telefonate al giorno. Ormai sono anni che so cosa fare, quindi è istintivo per me fare tutto il necessario per rimanere sobrio. È istintivo per me pregare per la persona che sta scatenando la mia lussuria. È istintivo per me agire, non importa quanto io possa essere a disagio. È ovvio quando devo chiamare il mio sponsor, ecc. Ecc. È semplice, ma non facile. La malattia mi attira sempre verso di sé.

Combattere la lussuria è una battaglia persa. È come salire sul ring con un pugile dei pesi massimi. Mi mette fuori combattimento ogni volta. Ma ora ho un Grande Fratello che salirà sul ring per me e sconfiggerà quel demonio. Tuttavia, il Grande Fratello non lo farà a meno che io non vada in palestra tutti i giorni e mi alleni come se fossi io a salire sul ring. Devo fare la mia parte. È come diceva papà: "Senza Dio non posso. Senza di me Dio non lo farà".

Il mio allenamento consiste in cose come il tempo tranquillo prima di iniziare la giornata, leggere la letteratura del programma, lavorare il mio passo, fare servizio, pregare, meditare, fare il sesto, settimo e decimo passo ogni notte, andare alle riunioni e fare qualsiasi altra cosa che il Grande Fratello mi indica di fare. Ho scoperto che quando la lussuria colpisce, lo sforzo di arrendersi non funziona se non ho fatto la mia parte.

La sobrietà è una cosa; il recupero è un'altra. Recupero significa affrontare la vita alle condizioni della vita. Significa affrontare i difetti del carattere che causano conflitto, paura, senso di colpa, risentimento e altre forme di intossicazione emotiva. Se non sto attento, l'intossicazione emotiva porterà alla lussuria e all'intossicazione sessuale. L'intossicazione emotiva e lussuriosa hanno sempre causato dolore a me e agli altri. La mia malattia cerca costantemente scuse per risollevarsi, offrendosi sempre come sollievo. Man mano che i miei difetti passano sotto il controllo del mio Potere Superiore e lentamente guadagno la pace della mente, la mia malattia ha meno da offrire. Tuttavia, come diceva mio padre, "non sono libero dalla lussuria, ma sono libero di non desiderare".

Il mio inventario notturno del decimo passo è fondamentale per il mio recupero e la crescente tranquillità. Mi mostra le carenze che sono attive in me. Il sesto passo è dove divento disposto a che Dio li rimuova. Il settimo passo è dove chiedo a Dio di rimuoverli. Pensavo che il sesto passo significasse diventare disposti a fermare i difetti. Pensavo che il Settimo Passo significasse chiedere a Dio di aiutarmi a fermarli. Quelle interpretazioni avvenivano attraverso il filtro dell'ostinazione. Non riesco a controllare i difetti sulla mia lista. Ecco perché non sono mai arrivato da nessuna parte con loro. Sono impotente sui miei difetti come lo sono sulla lussuria. Oggi chiedo la disponibilità a che Dio li rimuova. Poi chiedo a Dio di andare avanti e prenderli, facendo per me quello che non posso fare per me stesso. Lo stesso con la lussuria. Se Dio non lo fa, non sarà fatto. Se non viene fatto, allora c'è qualcosa per me da imparare e da cui crescere. Ora vedo preghiere apparentemente senza risposta come opportunità di crescita. Come altri prima di me, posso onestamente dire che sono grato di essere un sessodipendente in via di guarigione.

Infine, penso di dover menzionare che ho dovuto ottenere un aiuto esterno per rimanere sulla buona strada durante il recupero e rimanere ragionevolmente sano di mente. Essendo bipolare, ho dovuto sottopormi a terapia. Il dolore e la follia della malattia mentale sono stati gran parte di ciò che ha alimentato le mie dipendenze. Mi hanno impedito di guadagnare trazione nel programma. Si dice che il risentimento sia il killer numero uno dei tossicodipendenti. Ho osservato in me stesso e in altri che il trauma uccide anche i tossicodipendenti. Mia moglie è in un programma di recupero dei Dodici Passi; fa anche parte dello staff di una delle principali cliniche per il trattamento dei traumi negli Stati Uniti e la sua formazione ed esperienza supportano questa osservazione.

Grazie per avermi aiutato a rimanere sobrio. Possa il tuo Potere Superiore alla fine benedirti oltre ogni aspettativa. Che tu possa continuare a tornare non importa cosa possa succedere. Lo ripeto, continua a tornare, qualunque cosa accada.

Dan K., California, USA

Total Views: 318|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!