From Deepest Pain to Greatest Blessing

Dal più grande dolore alla più grande benedizione

Tre anni fa soffrivo tremendamente dal dolore. Era il dolore della schiavitù dalla lussuria che mi stava provocando un grave problema e minacciava di distruggere la mia intera vita. Il dolore mi portò in SA. Grazie ad SA, al mio sponsor e attraverso il lavoro del programma di SA, il mio grave problema gradualmente si è trasformato in una benedizione: una vita che è pulita e sobria. La lucidità è tornata e ho trovato una vera connessione con Dio. Non penso che avrei mai cercato Dio così attivamente se non fosse stato per il dolore e la distruzione che la lussuria mi stava arrecando. È stato stupefacente. Ciò che mi sembrava la mia peggiore sventura, si è rivelata la mia più grande benedizione. Non è forse questo un miracolo?

Ho cercato di condividere la mia esperienza con altri in SA e da lì ho cominciato ad aiutare altri a trasformare il più grave problema nelle loro vite nella loro più grande benedizione. Il dono più sacro è di trovare la purezza e la connessione con La Verità e diventare felice attraverso la rinuncia alla lussuria e lavorando i Passi. Questo mi da la forza di aiutare altri sullo stesso cammino.

Per riassumere brevemente le difficoltà, trovo che la maggior parte delle persone non siano pronte ad arrendere seriamente un attacco di lussuria. Il nuovo venuto, tormentato dal dolore per la pazzia dovuta alla lussuria, non ha esperienze di sobrietà a cui riferirsi; è tutto così nebuloso e distante, mentre la lussuria è una abitudine profondamente radicata da una vita ed è sempre ad una sola fantasia di distanza; resistergli è innaturale e doloroso.

Il mio compito come sponsor è di aiutarlo a desiderare una vita sobria. Condividendo la mia esperienza, posso sostenere il fragile germoglio del suo desiderio di sobrietà: il desiderio di vivere una vita che sia felice, gioiosa e libera. Cerco di ispirarlo col mio esempio. Ripercorro con lui tutti gli stati del recupero che ho sperimentato, le fasi che ho identificato, le sfide del recupero e la speranza per una vita significativa che ho raggiunto, un giorno alla volta, attraverso il recupero. Il resto è in mano al Potere Superiore.

Alcune volte il mio ego vuole che lo sponsorizzato si recuperi secondo la mia idea di come si dovrebbe fare. Alle volte, sono tentato di essere io il leader nel suo recupero, invece che Dio. La verità è che è Dio che controlla. Io sono solo uno strumento per fare la Sua volontà. Questo significa che io devo costantemente invitare Dio in ogni aspetto del mio lavoro con lo sponsorizzato. È in questo modo che permetto a Lui di lavorare più efficacemente attraverso di me – trovare le parole giuste, i suggerimenti adatti, le raccomandazioni più appropriate in ciascun caso particolare. Dio mi insegna di essere flessibile con ciascuno sponsorizzato, mostrandomi come ciascuno sia differente e che ciascuno ha bisogno del suo approccio individuale.

Perciò ascolto Dio e scelgo i suggerimenti della Sua guida nella relazione sponsor-sponsorizzato. Questo la rende molto migliore e stimolante.

Nella mia esperienza, un’innegabile benedizione che accompagna la sponsorizzazione è la profonda gioia di vedere cambiare le vite degli sponsorizzati e vederle schiudersi, attraverso l’aiuto che do loro nel lavorare il loro programma. Anche io ho la mia storia di recupero, la storia di venire sponsorizzato. Con l’aiuto di Dio, posso fare veramente la differenza per qualcuno che sta soffrendo l’orrore della dipendenza dalla lussuria. Quando faccio questo, sento che sto agendo in accordo con la volontà di Dio. E la vita in armonia con la sua volontà mi porta alla più alta gioia!.

Il vostro fratello in recupero, Ilya K., Russia

Total Views: 95|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!