Februari-2023-Giving Time to My Family Is Service Too

Anche dare tempo alla mia famiglia è un servizio

All’inizio del mio cammino in SA ero single, senza lavoro, senza auto, senza soldi e con molto tempo a disposizione. Era il 2009 e, a causa della crisi economica, ero disoccupato. Partecipavo a tre o quattro riunioni a settimana, chiamavo quotidianamente il mio sponsor, lavoravo i passi quotidianamente e ho tradotto l’intero Libro Bianco, il Grande Libro e Recovery Continues nella mia lingua madre nel giro di un anno. Tuttavia, mi rimaneva molto tempo perché non riempivo più ogni minuto libero con la lussuria. Assunsi molti incarichi di servizio, come quello di addetto al caffè, alle pulizie dopo la riunione, alla letteratura, alla presidenza, al tesoriere e all’apertura.

Il primo anno ho partecipato all’organizzazione di un workshop SA di lavoro sui passi. Alla fine del weekend, abbiamo stilato una lista di servizi per i quali i partecipanti potevano iscriversi. Quando guardai la lista, ancora mezza vuota, notai che l’oratore del fine settimana, un compagno con 14 anni di sobrietà, si era iscritto per pulire i bagni. Nessun altro si era iscritto! Intuitivamente ho messo il mio nome accanto al suo. Insieme abbiamo pulito i bagni. Per me è stato un risveglio spirituale e il momento culminante del fine settimana. In seguito, divenne il mio sponsor.

Sono stato anche coinvolto nella creazione di un Intergruppo nel mio Paese. Sono diventato presidente dell’intergruppo per due mandati consecutivi. Nel frattempo, sono diventato anche segretario dell’Assemblea regionale. Ben presto sono diventato anche delegato sostitutivo e ho partecipato all’Assemblea generale dei delegati nel 2013, con appena quattro anni di sobrietà. Sebbene fosse molto ambizioso, questo mi ha sopraffatto. Mi sono reso conto che era un po’ troppo, così ho smesso di prendere servizio a quel livello.

Il ruolo di pioniere di una nuova associazione di SA nel mio paese è stato per me un dono, una benedizione e una gioia. Tuttavia, affidare la guida permanente alla coscienza del gruppo è stato un viaggio. Con la mia personalità, non è facile lavorare in gruppo; né per me né per il gruppo. Di solito so intuitivamente e rapidamente cosa è meglio fare. L’unica cosa che il team deve fare è essere d’accordo con me. Poiché odio aspettare e rimandare a causa delle persone lente, inizio a fare quello che voglio fare comunque. È facile capire che questo ha poco a che fare con la coscienza di gruppo. Sono così grato che Dio, nella sua infinita saggezza, mi abbia affidato a un gruppo di ubriaconi sessodipendenti, così lenti nel prendere decisioni e così avversi all’autorità, che non ho altra scelta che arrendermi e rinunciare. È stata la mia unica possibilità di sobrietà e la cosa migliore che mi potesse capitare.

Ho conosciuto la mia futura moglie nel 2014. Ci siamo sposati un anno dopo. Sono lentamente uscito dall’Intergruppo, dall’Assemblea regionale e da quasi tutte le posizioni che ricoprivo. Da allora non ho più partecipato a un Intergruppo o a un’Assemblea. Questo è stato un sollievo per me e molto probabilmente una benedizione per loro. Sono molto grato per tutte le opportunità di servizio che ho potuto cogliere nei primi anni della mia guarigione. Senza di esse, non ce l’avrei fatta. È stato un periodo meraviglioso ed emozionante per me.
Oggi ho una moglie, tre figli, una macchina, un lavoro, una casa e poco, pochissimo tempo. Ho imparato che ci sono molti altri modi per fare servizio, oltre a ricoprire posizioni all’interno della struttura di servizio. Potrei partecipare a convegni, parlare alle riunioni, sponsorizzare persone in incontri sobri, organizzare seminari o scrivere articoli per ESSAY. Il mio sponsor mi sta insegnando che avere una buona qualità di vita è, per me, il miglior servizio che posso rendere alla comunità. Ciò significa che dedicare il mio tempo alla famiglia e al lavoro non significa privare la comunità del servizio che le devo.

Alcuni servizi mi sono molto cari e continuo a svolgerli con grande gioia. Il primo è quello di fare da apripista alla riunione che avevo organizzato sei anni fa. È ancora la riunione del mio gruppo di origine. In secondo luogo, mi sono reso disponibile per supervisionare e coordinare la traduzione della letteratura della nostra fratellanza in olandese. È una gioia farlo insieme al nostro paese vicino.
In terzo luogo, più di ogni altra cosa, mi piace lavorare con i membri nel processo di sobrietà. In una delle prime convention a cui ho partecipato, ho sentito un membro affermare che SA non ha una definizione negativa di sobrietà, ovvero tutto ciò che non possiamo fare, ma una definizione positiva di sobrietà, ovvero credere nel matrimonio per i sessodipendenti. Vedere uno storpio dell’amore che trova questa convinzione e fa una proposta di matrimonio a una donna è uno dei doni più belli di questo programma.

Daan L., Den Hague, Paesi Bassi

Total Views: 215|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!