Recovering and Traveling in India

Recupero e viaggio in India

Ho iniziato il mio percorso in SA il 25 maggio 2021 quando ho avuto ancora una volta un confronto con mio marito, ma questa volta la differenza è stata che la mia voce interiore (la voce di un Potere Superiore) mi ha indirizzato con forza verso un DIO: ho cercato su Google, ho trovato sa.org e mi sono messa in contatto con una sorella di SA India che mi ha fatto conoscere il programma di SA. Durante la nostra prima lunga telefonata, mi ha spiegato le basi del recupero e anche in cosa consiste la definizione di sobrietà. Mi ha detto che non potevo abbandonare il matrimonio perché sono sposata, non potevo fare nulla di inappropriato con me stessa e dovevo anche provare a mantenere l’astinenza totale nel mio matrimonio per alcuni mesi: io e mio marito ci siamo riusciti per oltre un anno.

Ho iniziato a lavorare il programma facendo qualunque cosa mi venisse detto, subito dopo aver toccato il mio doloroso fondo. Ho deciso di essere onesta nel profondo del mio essere, di mentalità aperta e di mantenermi disponibile, apprendibile e insegnabile. Ho iniziato a fare riunioni, ho trovato una sponsor e sono stata aggiunta a un gruppo mondiale di sorelle dove ci sono più di 180 partecipanti. Ho iniziato a connettermi quotidianamente con le altre sorelle tramite WhatsApp, chat, note vocali, chiamate, ecc. Ho contatti nella mia città, stato o nelle vicinanze. Inoltre, non mi sento pronta a rivelare che sono in SA come sessodipendente ai fini dell’anonimato.

Mi sono semplicemente tenuta occupata dal lavoro di recupero di SA, lavoro sui passi con la mia sponsor, riunioni, letture, contatti e così via. Non ero ancora pronta per iniziare a uscire di casa, ma avevo bisogno di uscire dall’isolamento. Ho iniziato a viaggiare con mio marito dopo aver completato sei mesi di sobrietà in SA e anche dopo aver discusso con la mia sponsor.

Ho deciso di fare più preghiere, meditare, praticare un contatto più consapevole con il mio Potere Superiore mentre viaggiavo su strada, in treno o in aereo. Qualunque cosa accadesse, ho frequentato incontri almeno due volte al giorno, sono rimasta in contatto con la mia sponsor tramite chat aggiornandola, sono rimasta in contatto con le sorelle di tutto il mondo SA tramite chat e chiamate vocali se necessario. Sono rimasta all’erta, soprattutto durante i viaggi. La mia stessa durata della sobrietà mi ha motivato a non tornare indietro, anche che so benissimo che non ho altra scelta che rimanere sobria, perché ho bisogno di mio marito, dei miei figli, della mia famiglia e di una vita piena. Non importa quanto sia impegnativo, devo fare di tutto con rigorosa onestà. Sapevo che sarei morta da sola. Ho scelto di essere sobria e con la famiglia.

Ho viaggiato con mio marito per la prima volta alla ricerca di un luogo di vita in campagna dove poter lasciare la vita di città e spostarci lì. Ho continuato a fare il mio incontro quotidiano, almeno uno al giorno. Nei viaggi in treno porto sempre con me il mio Libro Bianco: leggendolo mi ha aiutato a salvarmi dalla lussuria o dal desiderio di essere bramata. Ho avuto sfide tra cui ansie, palpitazioni, colpi di lussuria e tentazioni. A volte non avevo altra scelta che condividere con mio marito che è nel suo programma di recupero dalla dipendenza e si mantiene sobrio più di me. Inoltre conosce, supporta e comprende il mio programma e il mio viaggio dalla dipendenza al recupero. Mi ha dato i suoi riscontri dalla sua prospettiva con i quali mi sono relazionata dandomi pace. Sono rimasta colpita anche da alcuni uomini, ma mi sono ricordata con gratitudine di pregare immediatamente per quelle persone, arrendendole e smettendo di oggettificarli. Ho chiesto a Dio di dare loro ciò che avrei potuto desiderare per me stessa. Ho continuato a fare le mie chiamate RGS quotidiane, non importava dove mi trovassi, nei villaggi, nelle aree remote, negli autobus pieni di musica, nei risciò automatici o nei treni.

Una volta, ricordo di aver vissuto un momento di compulsione talmente violento che solo grazie ad una sorella di lunga sobrietà che ho contattato e mi ha donato il suo tempo, che sono riuscita a uscirne sana e salva. Sono scesa in una stazione dove il mio treno si è fermato per qualche minuto. Ho avuto una telefonata con lei, ho pianto, condiviso e portato alla luce il mio problema e ho seguito il suo suggerimento. Ha aiutato. Il fuso orario della mia sponsor era differito di 12 – 13 ore. Questo non mi ha portato affatto a cadere, perché ho fatto consapevolmente la prossima cosa giusta.

Un giorno io e mio marito eravamo in un remoto villaggio del mio stato alla ricerca della nostra casa di campagna. Mentre viaggiavamo, c’era un uomo che era un po’ ubriaco e stava facendo pipì vicino al muro di una casa abbandonata e mi è capitato di vederlo mentre percorrevamo la strada. Sono andata nel panico e ho avuto un momento di autocommiserazione pensando perché Dio me lo aveva fatto vedere, perché a me? Poi, dopo un po’ di tempo, ho capito che non sarei stata in grado di elaborare la cosa da sola, ma avrei dovuto mettermi in contatto con qualcuno. Ho avuto una telefonata con una sorella di lunga data e avevo bisogno di chiedere a mio marito di prendersi una pausa e darmi un po’ di spazio mentre stavo lottando. Lo ha capito molto bene e dopo poche ore sono stata meglio.

Ho partecipato alle mie riunioni quotidiane dagli hotel, viaggiando, visitando i templi, ovunque. In effetti, sono riuscita a frequentare le riunioni ovunque mi trovassi, mi sono presentata e ho mantenuto aggiornato anche il mio gruppo online per rendere conto a tutti loro. Sapevano sempre se stavo viaggiando. Ho lavorato i passi anche in viaggio poiché porto sempre con me il mio Libro Bianco e un altro libro.

Ho viaggiato da sola in treno quest’anno per la prima volta da quando sono in SA, ho circa 18 mesi di sobrietà, da quando ho parlato e condiviso con la mia sponsor. Le ho chiesto di darmi il tempo per la nostra chiamata programmata non appena avessi raggiunto la città metropolitana a quasi 650 km dalla mia città. Ha acconsentito e per questo non le sarò mai sufficientemente grata. Non appena ho raggiunto e fatto il check-in al mio hotel, abbiamo parlato per un’ora mentre le condividevo il mio primo passo riguardo questo viaggio. Ho svolto il mio lavoro di scrittura e diario durante il mio precedente viaggio notturno. Nel complesso, mi sono sentita così grata e sobria. In effetti, ho deciso di incontrare i miei due fratelli in convalescenza mentre si trovavano nella loro città, cosa che ho condiviso in anticipo con la mia Sponsor. Ci siamo incontrati in una caffetteria e abbiamo anche fatto un bellissimo incontro declamando la nostra straordinaria preghiera della serenità, condivisa e letta dal Libro Bianco. Abbiamo chiuso con la preghiera della serenità tenendoci per mano ed è stato così terapeutico e utile per il mio recupero come nel mio primo incontro fisico di SA. Nessun colpo di lussuria o tentazioni.

Infine, due mesi fa ho viaggiato in aereo con mio padre in una città metropolitana per una mostra d’arte ed è stata onestamente una sorta di vittoria progressiva sulla lussuria. Non ho avuto problemi in aeroporto, aereo, mostra d’arte né al ritorno. Ho portato di nuovo il mio Libro Bianco, sono rimasta connessa alla mia sponsor, alle chat online e all’intera SA. Ho invitato anche un fratello a quella mostra d’arte, è venuto, ci siamo incontrati e abbiamo avuto anche un ottimo discorso sul recupero.

Faccio le mie preghiere, medito ovunque, cerco di rimanere connessa coscientemente con il mio Potere Superiore e continuo ad arrendere la mia impotenza sulla mia lussuria. Mi sono arresa totalmente e sono disposta a mantenermi sobria e in recupero un giorno alla volta, qualunque cosa accada, facendo di tutto.
Alla fine, direi che desidero vivere una bella vita sobria in cui sarò più disponibile per gli altri, non fare del male o ferire più mio marito, i miei figli o i miei genitori perché ho così tanto da rallegrarmi ed essere felice, gioiosa e libera un giorno alla volta. Non vedo l’ora di continuare il mio lavoro sui passi con la mia Sponsor un giorno alla volta, un passo alla volta e così via.

La sobrietà è la mia scelta quotidiana e di fatto L’UNICA SCELTA! Sono disponibile per essere uno strumento per Dio. Grazie per aver letto il mio VIAGGIO IN SOBRIETÀ. Compio 2 anni di sobrietà il 25 maggio 2023, sperando di andare avanti un giorno alla volta. Che bel regalo della mia guarigione poter scrivere la mia parte per questa rivista di saggi. La adoro.

Iride, India

Total Views: 97|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!