februari-2022-His Former Drowning Has Become Today's Newcomer's Hope

Lo Strumento per Dare Significato al Nostro Doloroso Passato

Quando ero nella dipendenza attiva, il mio slogan era “essere soli in paradiso è più difficile che stare con una ragazza all’inferno”. Nella prima infanzia, non potevo immaginare un mondo senza bambine. Venivo ridicolizzato per giocare con le bambine invece che con i bambini. Chi se ne importava, per quel che mi riguardava; mi piaceva giocare innocentemente con le bambine.

Ma gradualmente, quell’innocente gioia infantile si trasformò in una profonda e miserabile palude. Tragico, tragico, tragico. Man mano che crescevo, la lussuria avrebbe derubato quell’innocenza infantile e mi avrebbe portato invece infelicità; la gioia interiore si trasformò in un guscio marcio, attraente all’esterno, ma dentro era ripugnante e pieno di tormenti.

Ho cercato conforto correndo dall’abbraccio di una persona a quello di un’altra, ma il mio corpo, il mio cuore e la mia anima soffrivano di dolore e di vuoto. La cosa peggiore era il tormento spirituale, la mia anima piena di dolore e ribellione.

Ma nella mia discesa verso l’abisso, un giorno mi sono imbattuto in un angolino che molto presto è diventato un rifugio. Lì ho trovato amici che erano feriti come me, ma erano felici e ballavano e c’era una luce profonda che brillava nei loro occhi. Era così strano vedere persone che erano vissute nell’oscura morsa della lussuria, e ora felici e danzare libere. Risultò essere la festa del compleanno di sobrietà di uno dei compagni e, per la prima volta in assoluto, ho riso e ballato, libero dagli effetti della lussuria.

Sono rimasto stupito dalla gioia di ciò; che la libertà dalle ombre era possibile, che la gioia era possibile. La sorgente dentro di me che si era prosciugata per così tanto tempo, aveva ripreso a sgorgare. Nei miei primi giorni di recupero, avevo poco entusiasmo, nessuno spirito; quelle erano solo parole. Ma poi, miracolo dei miracoli, quella notte stavo vivendo la gioia. Ridevo senza indugio, senza esibizionismo, senza ansia; ridevo dal profondo del mio cuore. E c’era anche una nuova luce nei miei occhi, la luce della speranza.

Hai mai apprezzato il bere un bicchiere d’acqua? Fare un pisolino nel pomeriggio? Una brezza al mattino o la serenità di una sera ancora illuminata dal sole? Se mi avessi fatto domande simili anni fa, avrei pensato che tu fossi fuori di testa. Ma se oggi, mediti su semplici meraviglie come queste, allora dico che sei arrivato alla saggezza. E, chissà, forse un elemento della felicità che viene dal programma è quella differenza tra la conoscenza di ieri e la saggezza di oggi.

Per me, la chiave della felicità è vivere il momento. Scoprire questa verità è stato un dono di Dio. Molti pensano che la felicità derivi dal raggiungere traguardi o dall’avere successo dopo un lungo percorso. Ma oggi per me, tutte le esperienze della mia vita – il bene, il male e il brutto – sono motivo di felicità: non rimpiango il passato né temo il futuro. Sono stato portato in basso, ad un punto in cui ero disposto a imparare, e il programma mi ha insegnato. Ho imparato a convivere con i miei punti di forza e le mie debolezze; felice di essere me stesso, felice di quello che ho. Mi sforzo di migliorare in tutte le aree della mia vita e prego per questo, ma non mi siedo ad aspettare passivamente.

Le prime ferite sono ancora lì, nel corpo e nello spirito, e rimarranno per sempre. Ma ho sentito da qualche parte che ogni cicatrice sul corpo di un atleta è un ornamento. Questo vale anche per noi. Ogni ferita sul nostro corpo parla di speranza per il nuovo venuto; gli dicono che lui o lei non sono soli.

Amin A., Iran

Total Views: 224|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!