Dignity Lives On as a Beacon

La sua Dignità Sobria permane come un faro

Roy K. ha salvato la mia vita, così come le sue ispirazioni e la sua guida hanno aiutato a salvare la maggior parte delle nostre vite. Roy mi ha dato speranza, qualcosa che avevo perso un decennio prima di incontrarlo. Roy mi ha aiutato a trovare la mia anima, la mia coscienza, la mia umanità, la mia spiritualità e il mio Potere Superiore. Roy è stato il nostro fondatore spirituale, dal tono pacato e dignitoso. Era un uomo profondo che aveva molte intuizioni brillanti che ci venivano regalate attraverso i suoi scritti, i suoi discorsi e il suo modo di vivere sobriamente. Ha lasciato molto per tutti noi da considerare e scoprire. Per me, il suo dono più grande è stata la sua comprensione di come funziona la dipendenza; e in particolare come funziona la sessodipendenza. Era anche perspicace nel darci suggerimenti e orientamenti per vivere sobriamente. Ci ha mostrato l’intuizione semplice e profonda che la lussuria era la nostra dipendenza.

Ero dipendente dalla lussuria, non dall’agire sessuale. Appena ho sentito questo, molte cose hanno cominciato ad avere senso. Ero sempre stato così impotente e senza speranza nel fermare il mio comportamento. Questo perché stavo cercando di fermare i sintomi, non il problema. Una delle prime cose che ho imparato alla scuola di economia è stata “cercare la causa, non l’effetto”. Guardare gli effetti può aiutare a trovare le cause, ma occuparsi degli effetti non risolverà le cause. Roy mi ha mostrato che la lussuria era la causa, e il nostro agire era solo un sintomo. Per me, la reazione a catena era che le mie malattie spirituali innescavano la mia lussuria; la lussuria innescava il mio agire; l’agire causava sentimenti di colpa, vergogna e disperazione; quei sentimenti mi facevano odiare me stesso; il che mi portava a compiere azioni autodistruttive e auto-sabotanti. Questo riavviava il ciclo e precipitavo sempre più nell’abisso.

Roy mi ha anche insegnato che interrompere questo ciclo ripetitivo ovunque lungo la reazione a catena aiuta a fermare l’effetto successivo. Ma più vicino all’inizio del ciclo riusciamo a spezzarlo, meno dobbiamo affrontare le cause ed effetti imminenti. Penso che lavorare i 12 Passi gradualmente ci avvicini sempre di più all’inizio del ciclo. Essere una persona brillante, profonda e ispiratrice non significa che una persona non faccia errori. Essere dotati di intuizione non significa che una persona comprenda sempre i propri errori. Questo valeva per Roy, proprio come per chiunque altro. A mio parere, Roy era un grande uomo, ma non era un santo. Non tutto ciò che pensava era sempre corretto, e non tutto ciò che faceva era fatto limpidamente. Questo non è il luogo per discutere di queste debolezze, ma dirò che io e Roy siamo stati in disaccordo più di una volta. Immagino che nel 50% delle volte in cui abbiamo litigato, lui avesse ragione; nel 25% delle volte avevo ragione io; e nel 25% delle volte nessuno di noi aveva ragione. Sono molto grato che Roy abbia fatto le sue ammende a me, e io le ho fatte a lui, prima che morisse.

Ecco come ho incontrato Roy per la prima volta. Nel 1985 ho capito che il mio agire era il risultato di una dipendenza. All’epoca non avevo mai sentito parlare di dipendenza sessuale o di SA. Non sapevo nemmeno a cosa fossi dipendente. Ho cercato Pornography Anonymous, Prostitutes Anonymous, ecc. Questo era prima di Internet, quindi telefono e biblioteca erano i miei mezzi di ricerca. In quel periodo, mi sono unito agli Alcolisti Anonimi di Los Angeles, non perché pensassi di essere alcolista (che ero in verità), ma perché pensavo di poter imparare sulla dipendenza e il recupero. Volevo davvero smettere di bere e drogarmi, perché spesso fare così riduceva le mie inibizioni; inoltre alimentava o potenziava le mie esperienze di agire.

Periodicamente, chiamavo l’Ufficio dell’Intergruppo di AA a Los Angeles per chiedere se conoscessero programmi per qualcuno con i miei problemi. Per i primi mesi, la risposta era sempre: “No”. Finalmente, nel marzo 1986, ho raggiunto un uomo all’ufficio che disse qualcosa del tipo: “Beh, non conosco programmi per ciò che hai descritto. Tuttavia, c’è questo tizio di nome Roy che parla spesso di problemi come i tuoi. Ha detto che va bene dare il suo numero a chiunque chieda”. Circa una settimana dopo, alle 23:30 dopo che mia moglie era andata a dormire, ho chiamato quel numero. Ho sentito un Roy K molto sonnolento.

Nel giro di 10 minuti stavo singhiozzando e singhiozzando, riversando sempre di più dal mio cuore. Abbiamo parlato per circa un’ora. Avevo finalmente trovato qualcuno che capiva. Non pensavo ci fosse nessun altro oltre me che agisse come me. Mi ha parlato di una riunione di SA quel fine settimana. Avevo speranza. Per l’ora successiva, continuavo a singhiozzare e non riuscivo a dormire. Così, circa all’1:30 del mattino, l’ho chiamato di nuovo e ho di nuovo sentito un Roy K molto sonnolento. All’epoca non sapevo che Roy andasse a letto verso le 22:00. Abbiamo parlato ancora per un po’. Ecco come ho trovato Roy, e come ho trovato SA, speranza e recupero. In quel periodo, c’erano solo quattro riunioni di SA a settimana nell’area del sud della California. Roy ed io vivevamo nella stessa parte di Los Angeles, quindi ci vedevamo regolarmente alle riunioni. Ho avuto molta esperienza, forza e speranza da quelle riunioni, specialmente quando c’era Roy. In quel periodo il Libro Bianco non era ancora stato pubblicato. Era stato scritto e rivisto, ma aveva ancora bisogno di ulteriori revisioni prima della pubblicazione.

Nel frattempo, Roy aveva stampato 15 o 20 articoli che aveva scritto sulla sessodipendenza. Li univamo con delle graffe e li distribuivamo alle riunioni. Andavo a casa di Roy (in realtà nel suo garage) e lo aiutavo a unire gli articoli con le graffe. Lo aiutavo anche a rivedere il Libro Bianco per la sua prima stampa. Non facevo scrittura, solo aiutavo ad organizzare le cose e simili. Roy ed io parlavamo molto nel suo garage. Fu una benedizione per me poter avere la sua esperienza, forza e speranza direttamente.

Abbiamo anche contribuito a formare diverse altre riunioni nell’area di Los Angeles. Nel 1989, il Libro Bianco fu finalmente stampato. Quella prima edizione non era molto diversa da quella che usiamo oggi. Circa sei mesi dopo, Roy mi chiese se potevo dargli una mano con le finanze e la contabilità di SA. Era quello che facevo per vivere, quindi dissi di sì. Il problema principale era che non avevamo un modo efficace per raccogliere informazioni finanziarie essenziali o per raccoglierle e valutarle. Ho creato un sistema di contabilità e informazioni facile da usare. Quando abbiamo esaminato le informazioni raccolte da questo sistema, ho chiaramente visto che SA stava perdendo denaro e Roy stava usando i suoi fondi per mantenere SA a galla. Abbiamo avuto una discussione sulla Settima Tradizione e sull’essere autosufficienti.

Ho detto a Roy che avrei cercato di trovare una soluzione a questo problema. Una cosa che ho scoperto è che SA stava perdendo soldi per ogni copia venduta del White Book. Poiché le tirature non erano molto grandi, il costo di stampa era alto. Credo che il costo fosse di circa $ 3.50 ciascuno e venivano venduti a $ 3.00. Ho detto a Roy che dovevamo raddoppiare il prezzo del Libro Bianco. Roy era preoccupato che alcune persone non potessero permettersi quel costo. Ho controbattuto che, se non lo avessimo fatto, non ci sarebbe stato SA, quindi non ci sarebbero stati libri disponibili. Abbiamo concordato sul prezzo di $6.00, e se qualcuno non poteva permetterselo, il gruppo avrebbe permesso a quella persona di pagare ciò che poteva. Questo ha risolto alcuni dei problemi finanziari, ma SA stava ancora perdendo denaro. Ho suggerito che ogni due settimane ogni gruppo potesse passare un secondo cestino, con quei soldi che andavano direttamente all’Ufficio Centrale di SA, insieme a quanto i gruppi potevano permettersi dalla loro regolare Settima Tradizione. Quindi, se voi che state leggendo fate una donazione a malincuore a quel secondo cestino ogni tanto, potete incolpare proprio me.

Quando penso a Roy, la parola che di solito mi viene in mente è “dignità”. Due definizioni della parola “dignità” sono: “La qualità di essere degno di onore o rispetto” e “Un modo composto o serio di fare o stile”. Questo è esattamente chi era Roy. Questo è come ha vissuto la sua vita sobria. Era un magnete per la sobrietà. La sua dignità attirava la sobrietà. Roy “faceva ciò che diceva” e “diceva ciò che faceva”. Quando ero nuovo negli Alcolisti Anonimi, c’era un ragazzo in molte delle riunioni che stava morendo di AIDS. Questo era prima che ci fosse alcuna speranza di vita per qualcuno con l’AIDS. Ho visto peggiorare sempre di più la sua condizione. Essendo un nuovo venuto, gli chiesi ingenuamente perché volesse la sobrietà. Dissi che se fossi stato nelle sue circostanze, avrei fatto scorpacciate ogni notte. Lui rispose: “Voglio morire con dignità”. Quella risposta ha lasciato un’impronta indelebile sulla mia psiche. Non vivevo più in California mentre Roy stava morendo. Ho sentito da altri che Roy è morto con dignità e sobrietà. È morto come ha vissuto. La sua dignità sobria vive per me come un faro, una bussola per rimanere sulla via della sobrietà. Roy era una persona più grande della vita, che ci ha aiutato a ottenere qualcosa di molto più grande della vita.

Terry M., Carolina del Nord, USA

Total Views: 82|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!