Having Fun in Travel With Recovery Friends

Divertirsi in viaggio con gli amici del recupero

Ho recentemente festeggiato il mio quinto anniversario di sobrietà in SA e non sono mai stato abbastanza grato per questo. Ricordo di aver parlato con un fratello di lunga sobrietà dopo una riunione nel mio paese. Io ero ancora nuovo in SA. Lui era nel programma da otto anni. Gli chiesi cosa fare con i miei amici se volevo rimanere sobrio. Mi disse che non si possono avere rapporti con gli amici della vecchia vita perché è pericoloso e potrebbero farti avere una ricaduta.

Sono rimasto scioccato. Mi sentivo molto solo e conoscevo solo alcuni amici di quando mi ero laureato all’università. Ci riunivamo ogni due settimane in una festa mista di uomini e donne lussuriosi. Venivano serviti alcol, droghe e sigarette. Tutti i miei amici erano così. Non riuscivo nemmeno a immaginare di divertirmi o di essere felice senza chiacchierare, riunirmi, fare festa e viaggiare con loro. D’altra parte, io stavo malissimo e la mia vita era ingestibile. Non avevo altra scelta. Così mi sono detto che avrei seguito le istruzioni del fratello di lunga sobrietà per un breve periodo di tempo. Non avrei chiamato quegli amici per qualche settimana.

Dopo aver partecipato alle riunioni per un po’ di tempo e aver iniziato il lavoro dei passi, mi sono reso conto che non riuscivo ad entrare in contatto con nessun “compagno di giochi”. Questa è un’espressione che usiamo in Iran per indicare le persone che desideravamo, o i partner del passato. Ho accettato questa realtà e ho cancellato il numero di telefono di tutti gli amici che frequentavo. Ho anche lasciato molti gruppi nelle applicazioni dei social media. Mi sentivo solo e non sapevo cosa fare nei fine settimana o durante le vacanze.

Un giorno, un compagno di recupero dopo una riunione mi chiese di uscire insieme a mangiare un gelato e io accettai. Erano diversi mesi che non mangiavo fuori con qualcuno. È stato divertente, ma abbiamo avuto una piccola discussione sul pagamento del gelato. La mia prima uscita con un fratello nel recupero ed una piccola sfida! Fu allora che mi resi conto di come avrei potuto riempire lo spazio vuoto creato dal lasciar andare la mia vita passata. Potevo divertirmi e persino viaggiare con i miei compagni di recupero. Abbiamo iniziato ad immergerci nella natura nei fine settimana e a fare grigliate.

Quando raggiunsi i 10 mesi di sobrietà, il mio sponsor ebbe una ricaduta. Fu uno shock. Ho cercato di trovare un nuovo sponsor a Teheran, ma non ci sono riuscito. Di conseguenza, dopo aver parlato con i compagni di recupero, decisi di andare a Isfahan per trovare uno sponsor. Sono andato a Isfahan con due compagni di recupero – il mio primo viaggio in SA.

Un amico di Isfahan mi ha proposto di usare una delle sue proprietà come alloggio. Un altro amico ci ha portato alle riunioni. Un altro ancora ci ha portato nei luoghi storici e belli di Isfahan. Un altro ancora ci ha persino invitato a gustare per pranzo un piatto locale chiamato Biryani.

Abbiamo prenotato una stanza in un hotel e siamo andati a tre riunioni al giorno: mattina, mezzogiorno e sera. Tra una riunione e l’altra andavamo in giro per la città con i compagni di recupero. Purtroppo, durante quel viaggio non riuscii a trovare uno sponsor. Ma ho trovato molto amore, compagnia e nuovi amici. Che benedizione!

Negli anni successivi ho avuto esperienze simili con altri compagni. Abbiamo fatto molte gite insieme nei dintorni di Teheran, la mia provincia di origine. Abbiamo visitato anche altre province dell’Iran, come Shiraz e Khuzestan. Ho imparato molto durante questi viaggi e ho apprezzato la compagnia dei miei compagni di recupero. Come ho sentito dire dal mio sponsor e dagli altri compagni, la comunità è un luogo sicuro dove esercitare il recupero in relazione con gli altri.

Mentre costruisco relazioni, cerco di esercitare l’amore incondizionato, l’accettazione, il perdono e l’onestà. Quest’ultima è la più difficile per me. Essere onesti con me stesso è ancora una grande sfida. Per esempio, circa due mesi fa ho iniziato una nuova dieta. Durante l’ultimo viaggio che ho fatto con i compagni di recupero, è stato difficile trovare un posto che offrisse cibi adatti alla mia dieta. Uno dei membri cercava un tipo di posto speciale e la maggior parte delle volte il cibo del ristorante non era soddisfacente e mi scatenava la sovralimentazione.

Avevo bisogno di altri tipi di cibo, ma non riuscivo ad essere onesto con me stesso. Mi comportavo come un co-dipendente. Pensavo che dovessimo stare insieme in ogni luogo e attività. Ma dopo quel viaggio, quando ho parlato con il mio sponsor, ho capito che si trattava della mia malattia. Mi stavo comportando in modo eccessivamente dipendente. Avrei potuto dire ai miei compagni che sarei andato a cercare un altro ristorante con cibo conveniente per me. Ma invece di farlo, ho iniziato a provare risentimento verso me stesso. Anche in questo caso, sto ancora imparando a essere onesto con me stesso.

Un’altra cosa alla quale dobbiamo fare attenzione è avere con noi in viaggio un nuovo arrivato o un recidivo cronico. Ho una certa esperienza al riguardo. Penso che sia molto importante ricordare che se fossi un nuovo arrivato, dovrei evitare di fare viaggi con altri nuovi arrivati o con un ricaduto cronico, a meno che non ci sia un anziano o un membro con una considerevole durata di sobrietà con noi.

Una volta ho avuto un nuovo arrivato con me in viaggio ed è stata un’esperienza molto forte per affrontare il mio ego e cercare di essere tollerante e indulgente. È stato molto difficile e problematico. Mi ha aiutato a capire che avere anni di sobrietà e di recupero non significa che io sappia tutto o che sia migliore di un nuovo arrivato o di un recidivo cronico. Non significa che posso gestirli o cercare di convincerli della guarigione. Come diciamo nelle nostre Tradizioni, “la nostra politica di relazioni pubbliche si basa sull’attrazione piuttosto che sulla promozione”.

Non posso parlare a un nuovo arrivato di spiritualità e guarigione, ma posso comportarmi in base alla mia guarigione. I nuovi arrivati e i recidivi cronici sono molto propensi a trovare una contraddizione tra i miei discorsi e il mio comportamento. Può essere difficile per me cercare di comportarmi in base alla guarigione invece di parlarne tanto. È una grande sfida, ma mi piace.

Moein M., Teheran, Iran

Total Views: 75|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!