My Rules for Sober Travel

Le mie regole per un viaggio sobrio

Viaggiare di per sé è un grande dono concesso da Dio: alcune persone non possono permetterselo a causa di problemi fisici o finanziari. Viaggiare amplia le prospettive, ispira, fa conoscere nuovi posti, nuove persone e nuovi paesi. Che mi stia rilassando o lavorando, viaggiare fa parte della mia vita. Sono così grata a Dio per questo dono. Perché mi è richiesta la sobrietà quando viaggio?

Innanzitutto la sobrietà mi permette di raggiungere gli obiettivi e di risolvere i compiti che mi prefiggo all’inizio di ogni viaggio. Non fa alcuna differenza se sono in vacanza o in viaggio d’affari. Viaggiare non ha senso senza sobrietà e viaggiare nella malattia è tempo perso.

In secondo luogo, la sobrietà mi aiuta a godermi il viaggio al massimo. Natura, connessione con Dio, unità con le persone, nuove impressioni: tutte queste cose sono straordinarie nella sobrietà.

E in terzo luogo, non importa perché vado da qualche parte. Da sobrio, durante un viaggio, posso essere di servizio a Dio e alle persone che incontro: sostenendo o aiutando qualcuno, riempiendo i cuori delle persone che sono malate come me con lo splendore di Dio.

Ho notato alcune insidie ​​in ognuno dei miei viaggi:
Specialmente nei viaggi di relax, mi assale il pensiero che mi è permesso rimandare ogni compito, compreso il Programma, e tornarci dopo essermi rilassato. Tuttavia, questo è un modo per ricadere, quindi ho bisogno di praticare intensamente i Passi dal non al dodicesimo anche quando sono in vacanza.

A volte sono così sopraffatta dalle emozioni positive che mi sembra che non sia necessario lavorare i passi. Anche questa è una bugia. Sono una persona malata, ecco perché posso perdere il mio equilibrio emotivo e sentirmi come se fossi caduta da un’altalena anche se ero di buon umore. Mi posso stancare della gioia, della positività, delle emozioni entusiasmanti, quindi ho bisogno di Dio per ripristinare il mio equilibrio emotivo. Ho davvero bisogno dell’undicesimo passo e del rinnovo giornaliero.

Il cambiamento della mia dieta abituale è un fattore scatenante. Mangio sempre a casa perché ho bisogno di cucinare per me a causa di problemi allo stomaco. Quando mangio fuori mi dimentico dei miei bisogni e comincio a mangiare nei fast food, semilavorati già pronti che si trovano nei negozi, cibi salati, grassi, fritti. Consumo dolci senza limiti, cosa che mi è proibita. Di conseguenza, mi sento male, mi arrabbio, bramosa di lussuria, frustrata, infastidita e a disagio.

Questa è una situazione pericolosa per me. Pertanto, durante un viaggio devo essere attenta al mio corpo in ogni singolo momento e preoccuparmi in anticipo di dove e cosa mangerò.
Inoltre, è stimolante per me sentire ovunque musica pop che a casa non ascolto perché per me ha un effetto “tossico”. Mi vergognavo e mi sentivo a disagio in tali situazioni. Ora sorrido e chiedo di spegnere la musica. Se per qualche motivo non riesco a evitarla, prego e mentre prego guardo la situazione con “gli occhi di Dio”, e percepisco cosa sta succedendo. “Dio, aiutami a trattare tutta quella musica e le persone che la ascoltano con tolleranza e compassione”. Ho smesso di guardare la TV 10 anni fa poiché quasi il 97% delle informazioni che ho visto era tossico per me.

A volte sono circondata da persone estremamente tossiche che usano parolacce, agiscono in modo aggressivo e così via. Ho bisogno di pregare per loro e per me per non reagire alla loro aggressività e non diventare fonte di negatività oltre che per evitare danni che posso causare a quelle persone. In casi difficili chiamo o scrivo al mio sponsor o al mio partner di rinnovo. A volte chiedo una benedizione alle sorelle nella chat delle donne. Faccio tutte queste cose anche se viaggio nella mia città natale.

Un’altra cosa importante è che il mio programma giornaliero cambia quando viaggio. Non riesco a dormire a sufficienza, mi perdo nel tempo o non mi accorgo che non seguo la regola SASA. Qui ho bisogno del programma. Ho bisogno di fermarmi nel sovraccarico di impegni, di rallentare e di chiedere a Dio qual è il prossimo passo che devo fare per vivere questa giornata con Lui.

Durante il mio viaggio per le vacanze di capodanno non mi sono accorta che stavo infrangendo le mie regole giorno dopo giorno: chiacchieravo molto, andavo a letto tardi, mangiavo troppi dolci, bevevo alcol per non offendere le persone care e per assecondare me stessa. Ho provato autocommiserazione, ho flirtato un po’, non ho praticato il Decimo Passo, non ho chiamato il la mia compagna di rinnovamento. Alla fine del mio viaggio mi sono precipitato a casa per ripristinare la mia sobrietà e il mio solito stile di vita il prima possibile. Ma devo convivere con il Programma e non chiuderlo a chiave nel mio appartamento.

In ogni caso, posso portare con me i Dodici Passi! Anche l’umore è abbastanza importante. Per dieci anni sono andata da mio padre che viveva in un’altra regione con lo stesso atteggiamento: sapevo che avrei dovuto ascoltare le sue lezioni e sensi di colpa. Tutto era prevedibile in quegli incontri. Ma ultimamente ho deciso che il prossimo viaggio sarà pieno di gioia, amore, accettazione e perdono, qualunque cosa accada. E così è successo! Dio è venuto con me. Non l’ho lasciato nel mio minuscolo appartamento.

È fondamentale portare sempre con me il mio kit di strumenti spirituali. Durante il mio ultimo viaggio, il mio sponsor mi ha ricordato di essere grata a me stessa, a Dio e agli altri. Me ne dimentico sempre, quindi posso soffrire per la mancanza di pane o lamentarmi che il sole splende troppo debolmente. Ma quando scrivo la mia lista delle gratitudini, sento che la vita gioca con nuovi colori e il mio cuore si riempie di luce e amore. Il mio potere superiore e la mia speranza fanno miracoli. Non importa dove mi trovo, se Dio è dentro di me e se applico i principi spirituali in tutti gli ambiti della mia vita, allora non solo sono felice, ma sono pronta a servire Dio e ad essere utile alle persone che ne hanno davvero bisogno.

Vera A., Novosibirsk, Russia

Total Views: 105|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!