La gioia di vivere oggi

Sono sobria secondo la definizione di sobrietà di SA da otto anni, per grazia di un Potere Superiore. Mi piace il numero otto perché mi ricorda il segno dell’infinito. E anche se sto ancora imparando a vivere alla giornata, il programma mi offre una speranza infinita, giorno dopo giorno.

Uno dei testi della nostra letteratura ci avverte che il cammino non sarà facile, ed è vero. Tuttavia, la cosa più facile nel mio recupero è stata iniziare a scrivere i Passi come nel libro “Passa all’Azione”. Fin dall’inizio ho creduto nella soluzione e mi sono immersa nel processo di recupero sotto la guida sensibile e specifica della mia sponsor, basandomi sulla nostra letteratura SA.

Poiché nella mia regione non ci sono incontri in presenza di SA, ho cercato di pianificare le mie giornate in modo da visitare il maggior numero possibile di gruppi online, assicurandomi di condividere ogni volta che se ne presentava l’occasione. SA mi ha fornito molte opportunità di condivisione e quindi è stato molto gratificante per me entrare a far parte della Fratellanza globale e partecipare a tutti gli eventi di SA, come: convegni online in diversi Paesi, tavole rotonde online, il cui scopo era portare il nostro messaggio a medici e psicologi.

Un’attività particolarmente piacevole per entrare a far parte della Fratellanza è stata la partecipazione all’ESSAY Recovery Game (gioco di recupero), in cui si praticano quotidianamente strumenti di recupero positivi e si formano abitudini di recupero. Sono sempre stata ispirata dalle testimonianze di coloro che hanno abbracciato il programma, sentendo come la loro vita sia cambiata così tanto.

Quando ho lavorato per la prima volta sui difetti del mio carattere, speravo che la vita si sarebbe conformata alla mia volontà e sarebbe diventata meravigliosa per sempre. Ma non appena ho completato tutti i 12 Passi con le congratulazioni della mia sponsor, ho dovuto superare una serie di prove. Ancora una volta ho dovuto esaminare in particolare la mia rabbia; quanto sono arrabbiata! Tuttavia, non ho perso la speranza e ho continuato a consegnare la mia vita e la mia volontà alle cure di Dio. Avevo anche bisogno di agire sulla mia rabbia per evitare che mi uccidesse.

La preghiera del Quarto Passo per liberarmi dalla rabbia è diventata il mio sospiro e la mia espirazione. A poco a poco, mi sono liberata dell’odio verso coloro che mi avevano fatto soffrire. Poi ho temuto per la mia vita, perché sempre più ho sentito valore e rispetto per essa. Ero così felice di sentire questo, perché prima di allora odiavo la mia vita e mi limitavo a cambiare una dipendenza con un’altra, svalutando sempre il dono della vita, non vedendo mai un senso in essa se non c’era un piacere euforico.

Prima del programma, chiedevo sempre a Dio di risparmiarmi il dolore e la sofferenza, di portarmi in paradiso per provare solo cose belle. Oggi riconosco il dolore e le emozioni e li consegno a Dio nel caso in cui mi travolgano. Devo affrontare le mie emozioni. So, per esperienza personale, quanto posso stare male – anche fisicamente – quando reprimo le mie emozioni con pensieri e comportamenti che creano dipendenza.

La cosa più importante che chiedo a Dio oggi è la pace mentale e di trattenere nel mio cuore quanto più possibile il suo amore. Oggi prego anche per avere il coraggio di vivere la vita alle condizioni della vita; di mantenere la rotta attraverso qualsiasi dolore mi si presenti, in modo da poter sviluppare il mio carattere con la saggezza che Dio fornisce a tutti coloro che gliela chiedono.

Olga S., Alchevsk, Ucraina

Total Views: 140|Daily Views: 1

Share This Story, Choose Your Platform!